Intercalatio Italicae Gentis

Per discutere di qualsiasi cosa che NON riguardi il Rugby...
Avatar utente
jpr williams
Messaggi: 18586
Iscritto il: 26 mar 2012, 11:58
Località: Gottolengo (BS)
Contatta:

Re: Intercalatio Italicae Gentis

Messaggioda jpr williams » 15 lug 2017, 13:51

Serem prope drè a spetà che ta rivaet! :-]
Il Pro>12 è un'aberrazione palancaia.
Gli italiani ammirano a tal punto la furbizia da apprezzarla persino quando è usata contro di loro. (Ennio Flaiano).
La cosa più bella del rugby è l'avversario, perchè senza di lui non si giocherebbe e quindi zero divertimento, zero rugby.
https://www.youtube.com/watch?v=-rXd8ftJSBo

Avatar utente
ForrestGump
Messaggi: 2714
Iscritto il: 3 gen 2008, 13:32
Località: Oriago (VE)

Re: Intercalatio Italicae Gentis

Messaggioda ForrestGump » 7 set 2017, 13:29

Avoro so na dita che fa impianti pa tratare e aque reflue…in pratica un impresa moderna de puissie. El tema “ecologia” xe al’ordine del dì, tra xente che i te domanda cossa che i ga da fare dopo che i ga smerdà de cromo e falde par vintisete ani o teste da batipaeo che buta via quintai de vapore ma te svanga i maroni pa mexo chiovat de na pompa.

Tuto sto preamboeo pa dire che, qua in uficio, se ghe ne parla. Pa fortuna no ghe xe ebeti che nega el riscaldamento globae o che i PFAS no sia proprio aqua fresca, per lo meno partimo da un minimo de base comune.
Bon, a conclusion del’ultima discussion fata, xe che fare i bravi – dal punto de vista ecoeogico – salvarà el mondo, ma probabilmente desfarà l’economia, almanco par come che a conossemo uncuò.

El spunto xe vegnuo da na coega che xe drio farse casa, e a xe drio impinirla de qualsiasi porcada possibie pa sparagnare qualche mastea de corente l’ano. A o fa parchè a ze na tacagna de prima, ma a scusa uficiae xe “l’ecologia”. Mi go un fià criticà sta linea, anca parchè l’esperiensa me ga insegnà che, aea longa, te denventi s-ciavo de ogni roba che te ghe (esempio: anca un miserabie e inocuo sopramobie prima o dopo te ghe da spostarlo pa furbire), per cui bisognaria scegliere co cura so a base de un principio semplicissimo: me serve davero? Ma me rendo conto de essere in minoransa, per cui ‘ndemo vanti.

A critica principae se basava sul fato che nei “calcoi ecoeogici” no se tien mai conto de l'onto che fa l’aparechiatura che, almanco de siera, te fa sparagnare. Esempio: panei soeari. Nel decantare quanto ben che sti atressi fa al’ambiente, qualcuno ve ga mai dito che vivadio serve corente, e quindi inquinamento, pa fali? E che el si-icio che xe dentro va tirà fora da na miniera (e ocio che tere rare e semicondutori ormai se cava soeo in Australia, che no xe proprio dopo Albignasego) e che, dopo un toco, bisognarà anca butarlo via e trovare dove butarlo? Scometo de no, ma no xe che parchè un venditore furbo no ne dixe e robe, queste magicamente sparisse.
No ve digo a rata de paroe che me so brincà, ma aea fine i me ga da raxon quando che go resussità el mantra del nostro titoeare: el modo mejo de tegner neto xe no onxere. E quindi, el “comportamento ecoeogico” no xe nel fare queo che faxevimo ieri col sinque par sento in manco de energia o de scoasse, ma riussire a vivere ben o stesso sensa farlo. Mi no vojo riciclare e scoasse, vojo no produrle proprio! E questo sensa dire che dovemo serarse in casa e no movere più na paja pa no inquinare. No che sia semplice farlo, mi credo che servaria na specie de rifondassion de tuto: dea poitica, del lavoro, del’economia e no ultimo dee teste.
Ghe go messo un tocheto, ma aea fine go l’impression che i gabia capio. Logico che sto comportamento verxe altri capitoi poco simpatici: se mi taco a consumare metà, chi che viveva co a metà che no consumo pì, cossa faeo? Vaeo domandare a carità in stassion? E chi ghea fa?
Dal punto mio de vista a preocupassion xe proprio questa: se preocupemo de l’ambiente, femo el possibie pa onxere manco, ma manca a percession che el nostro modo stesso de vivere xe “onto”, parchè femo na nave de robe che no ne serve. No par niente scominssia a vegnere fora libri e anca corsi de “daunsciftin”. Xe roba par pochi, parchè se trata de aplicare a liveo individuae el cambiamento che serviria a liveo mondiae, e ti pol farlo soeo se te ghe e spae cuerte co un siae de euri…
Na paroea in pì: el superfluo xe sogetivo, mi se i me cava a corsa vago via co a testa, roba che no credo ghe suceda a jpr, ma saria beo, a sto punto, capire cossa che xe el superfluo e agire de conseguensa. Al’inisio pare impossibie, parchè semo tuti convinti che nea nostra vita no ghe sia el superfluo, e che ogni rinuncia equivalga a un caeo dea quaità dea vita, ma mi ghe go provà, e calcossa so riussio. E vivo anca na s-cianta mejo!
On saeudo.
"O vinco o imparo!, disse Nelson Mandela. "Allora qui abbiamo tutti la laurea" rispose il tifoso Pet...

Prima regola veneta del lavoro di squadra: "Co parlo no i scolta, co i scolta no i capisse, co i capisse i se desmentega"

Avatar utente
jpr williams
Messaggi: 18586
Iscritto il: 26 mar 2012, 11:58
Località: Gottolengo (BS)
Contatta:

Re: Intercalatio Italicae Gentis

Messaggioda jpr williams » 7 set 2017, 17:43

Chisà perchè, ma go un sospet soe chi l'è sta colega. Secondo me l'è chela del Nutriastan.
Sbaglie?
Comunque ta m'et fat un cò isè e adess ma sa sente en culpa perchè go metit i panei solari soei cop de casa.
E pò, so dacorde che el rut lìè mei mia fall, ma se ta ga l'et besogn pure sercà en sistema per riciclàl o per rindìl meno sporc.
Il Pro>12 è un'aberrazione palancaia.
Gli italiani ammirano a tal punto la furbizia da apprezzarla persino quando è usata contro di loro. (Ennio Flaiano).
La cosa più bella del rugby è l'avversario, perchè senza di lui non si giocherebbe e quindi zero divertimento, zero rugby.
https://www.youtube.com/watch?v=-rXd8ftJSBo

sandrobandito

Re: Intercalatio Italicae Gentis

Messaggioda sandrobandito » 7 set 2017, 18:36

'A xe 'na roda che gira. In 'talian se dise "edonismo", 'na roba che in diałeto gnanca n'a esiste.

Himiko
Messaggi: 1070
Iscritto il: 7 mag 2015, 11:19
Località: Crema

Re: Intercalatio Italicae Gentis

Messaggioda Himiko » 8 set 2017, 11:14

E gnanca "resilienza", che secunt me gnanca chei che la droa (per fà vet ch'i gà studiat) i sa cusé vol dì....
Keep on rockin' in the free world.

Avatar utente
Sergio Martin
Messaggi: 1567
Iscritto il: 7 mag 2015, 23:32
Località: Roma nord, molto nord...

Re: Intercalatio Italicae Gentis

Messaggioda Sergio Martin » 19 ott 2017, 0:16

Aho’! Ma che state a di’?! Io nun ve capisco mica, sa?!

Avatar utente
jpr williams
Messaggi: 18586
Iscritto il: 26 mar 2012, 11:58
Località: Gottolengo (BS)
Contatta:

Re: Intercalatio Italicae Gentis

Messaggioda jpr williams » 19 ott 2017, 8:56

Ecco, el solit roman. Apena se proa a parlà on alter dialèt e mia el solit rugantino lù el capess gnent.
Il Pro>12 è un'aberrazione palancaia.
Gli italiani ammirano a tal punto la furbizia da apprezzarla persino quando è usata contro di loro. (Ennio Flaiano).
La cosa più bella del rugby è l'avversario, perchè senza di lui non si giocherebbe e quindi zero divertimento, zero rugby.
https://www.youtube.com/watch?v=-rXd8ftJSBo

Himiko
Messaggi: 1070
Iscritto il: 7 mag 2015, 11:19
Località: Crema

Re: Intercalatio Italicae Gentis

Messaggioda Himiko » 19 ott 2017, 13:31

Adesso vediamo quanti forumisti dell'area gallo-cenomane-ladina si ricordano il significato dei termini "petass" e "tananai" :)
Keep on rockin' in the free world.

sandrobandito

Re: Intercalatio Italicae Gentis

Messaggioda sandrobandito » 19 ott 2017, 13:34

Himiko WroteColonAdesso vediamo quanti forumisti dell'area gallo-cenomane-ladina si ricordano il significato dei termini "petass" e "tananai" :)

Tananai son mi! :-]

Avatar utente
jpr williams
Messaggi: 18586
Iscritto il: 26 mar 2012, 11:58
Località: Gottolengo (BS)
Contatta:

Re: Intercalatio Italicae Gentis

Messaggioda jpr williams » 19 ott 2017, 13:36

Entant gò de rimproverat perchè che sa pol mia parlà en italià.
Tananai l'è giù mia tat furbo, disom issè. Noter bresà disom anche gnagno.
Petass, però, lò mai sentit.
Il Pro>12 è un'aberrazione palancaia.
Gli italiani ammirano a tal punto la furbizia da apprezzarla persino quando è usata contro di loro. (Ennio Flaiano).
La cosa più bella del rugby è l'avversario, perchè senza di lui non si giocherebbe e quindi zero divertimento, zero rugby.
https://www.youtube.com/watch?v=-rXd8ftJSBo

metabolik
Messaggi: 5271
Iscritto il: 27 mar 2003, 0:00
Località: Piacenza

Re: Intercalatio Italicae Gentis

Messaggioda metabolik » 19 ott 2017, 14:52

Petass in piasentein al ghe mia.
La ròba ca sasmeia po se al tò 'petass' l'e 'patass' ca l'e l'italian 'gozzo', una malatia, par eseimpi, chi ciapavan i cunili.
I gan al patass (si gonfia il collo).

Avatar utente
Sergio Martin
Messaggi: 1567
Iscritto il: 7 mag 2015, 23:32
Località: Roma nord, molto nord...

Re: Intercalatio Italicae Gentis

Messaggioda Sergio Martin » 20 ott 2017, 1:58

jpr williams WroteColonEcco, el solit roman. Apena se proa a parlà on alter dialèt e mia el solit rugantino lù el capess gnent.

Proprio la parola “gnent” mi ricorda che anche tra romani e lombardi ci si può intendere bene:
https://youtu.be/-tavJaJMtU8

Avatar utente
jpr williams
Messaggi: 18586
Iscritto il: 26 mar 2012, 11:58
Località: Gottolengo (BS)
Contatta:

Re: Intercalatio Italicae Gentis

Messaggioda jpr williams » 20 ott 2017, 11:23

Che bela citasiù Sergio, giù dei me fil prefericc!
La Grande Guerra del Monicelli, che bel film e che atùr meravigliùs el Sordi e el Gasman! :<3

E pò me, quand che vegne a Roma me se troe semper be e volares mai ndà vià! :roll:
Il Pro>12 è un'aberrazione palancaia.
Gli italiani ammirano a tal punto la furbizia da apprezzarla persino quando è usata contro di loro. (Ennio Flaiano).
La cosa più bella del rugby è l'avversario, perchè senza di lui non si giocherebbe e quindi zero divertimento, zero rugby.
https://www.youtube.com/watch?v=-rXd8ftJSBo

Himiko
Messaggi: 1070
Iscritto il: 7 mag 2015, 11:19
Località: Crema

Re: Intercalatio Italicae Gentis

Messaggioda Himiko » 21 ott 2017, 21:21

Alura: "tananai" e "petass" i se sumiglia ma i è mìa prope precis.
Tananai l'ha bea spiegat jpr ma per vis precis el tananai l'è 'n laur che sa capes mìa a cusé 'l serf, o che l'è rot; sa dupèra per le robe ma apò per le persune.
"Petass" l'è na roba che val poc: che custa poc o dura poc. El g'ha a che fare col valur de na roba o de na persuna, mentre tananai co la funsiù.
Petass l'è prope cremasc: el g'è mìa en cremunìs e gnanca en bresà.
Keep on rockin' in the free world.

Avatar utente
gcruta
Messaggi: 4068
Iscritto il: 23 mag 2006, 7:52

Re: Intercalatio Italicae Gentis

Messaggioda gcruta » 26 ott 2017, 12:52

Minchia, e iu crirìa ca era u parrari miu ca nun facìa cumminti i gghintuzzi...
Tuco: "Ci... ci ri... rivedre..."
Il Biondo: "Ci rivedremo, idioti. E' per te."


Torna a “Chiamate la Neuro....”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite