Flanker

Sezione dedicata a discussioni sulle problematiche legate all'allenamento ed alla didattica del rugby.

Moderatore: Emy77

NeilBeck85
Messaggi: 437
Iscritto il: 30 ago 2008, 22:46
Località: Genova
Contatta:

Re: Re:

Messaggioda NeilBeck85 » 27 set 2008, 15:05

wulfgar WroteColonscusate se mi intrometto ma tutto questo secondo me è verissimo. in S 10 a Rovigo in terza linea gioca un certo Favaro. una delle promesse del rugby italiano. gioca flanker aperto ed 1,81 per 98 kg. fa una media di 20-25 placaggi a partita. ha una tecnica incredibile e non gli serve essere alto 1,90... butta giù tutto e tutti.



Concordo..una fra le migliori terze degli ultimi anni è stata l'inglese Neil Back (1,74 x 88 kg)..che nonostante non fosse un "colosso" è ricordato come una delle migliori terze del panorama internazionale..ovviamente se placchi come un dannato,hai tecnica,velocità e sei 1,90 x 120 kg tanto meglio,questo è ovvio,ma il flanker moderno,sopratutto il 7 lato aperto,non necessita al 100% di un fisico imponente,se ha grandi qualtà può bastare anche un fisico "modesto"nei limiti ovvi delle neccessita del pack..

Ps:Per fare un esempio,una terza tipo dell'inghilterra del 03 era Back (piccolino a placcare ovunque),Worsley (grande e grosso a dare peso) e Dallaglio..a fare Dallaglio,tanto bastava!
"Cantare l'inno non è solo folclore,cè gente che è morta cantando la marsigliese..oggi venderemo cara la pelle!"

"Io metto la faccia dove gli altri non metteno neanche i piedi"

- Jean Pierre Rives -

skypz
Messaggi: 9
Iscritto il: 19 ott 2011, 0:51

Re: Flanker

Messaggioda skypz » 6 nov 2011, 1:33

Riesumo questo fantatistico topic perchè il Flanker probabilmente sarà il mio ruolo :)

Ho cominciato ad allenarmi da poco con la squadra, che gioca in serie C, ed il mister mi ha inquadrato come flanker, o N8...Insomma sicuramente terza linea :)

Devo ovviamente mettermi in forma, perchè purtroppo atleticamente non sono il massimo (correre 5km in 52min è veramente troppo...ma ho sempre avuto un buono scatto), però tecnicamente, almeno dal punto di vista del passaggio e della spinta, me la cavo (il mister è contento soprattutto della spinta che do in mischia ordinata)...I placcaggi devo ancora provare a farli, ma già li ho subiti (perdendo palla tra l'altro :( )
Volevo però chiedervi alcune informazioni...considerando questo mio problema nella resistenza, posso essere veramente adatto a fare il Flanker?
Mi preoccupa solo il fatto che io non riesca a migliorare questo aspetto della preparazione atletica (non ho mai avuto tanta resistenza comunque eh...)

Ps: siate clementi...sono le prime volte che prendo in mano un pallone ovale....

Avatar utente
billingham
Site Moderator
Site Moderator
Messaggi: 7646
Iscritto il: 14 feb 2004, 0:00
Località: Como - Bucure?ti
Contatta:

Re: Flanker

Messaggioda billingham » 6 nov 2011, 16:23

skypz WroteColonRiesumo questo fantatistico topic perchè il Flanker probabilmente sarà il mio ruolo :)

Ho cominciato ad allenarmi da poco con la squadra, che gioca in serie C, ed il mister mi ha inquadrato come flanker, o N8...Insomma sicuramente terza linea :)

Devo ovviamente mettermi in forma, perchè purtroppo atleticamente non sono il massimo (correre 5km in 52min è veramente troppo...ma ho sempre avuto un buono scatto), però tecnicamente, almeno dal punto di vista del passaggio e della spinta, me la cavo (il mister è contento soprattutto della spinta che do in mischia ordinata)...I placcaggi devo ancora provare a farli, ma già li ho subiti (perdendo palla tra l'altro :( )
Volevo però chiedervi alcune informazioni...considerando questo mio problema nella resistenza, posso essere veramente adatto a fare il Flanker?
Mi preoccupa solo il fatto che io non riesca a migliorare questo aspetto della preparazione atletica (non ho mai avuto tanta resistenza comunque eh...)

Ps: siate clementi...sono le prime volte che prendo in mano un pallone ovale....


Proprio perché sono le prime volte, è un po' troppo presto per sapere. Problemi nella resistenza? Si allena...e non credere che negli altri ruoli non serva: si corre, si corre e si corre nel rugby. Ah, e ti ho già detto che si corre? Quindi la resistenza è una componente fondamentale della preparazione e quindi, anche se magari ti servirà un po' di impegno e di allenamento, stai tranquillo.
Segui ovunque i Cariparmi azzurri!!! - Ich bin ein Orqueriaren

Invece di farmi un busto ed esporlo a Murrayfield, mi impaglieranno e mi appenderanno in una taverna (Roy Laidlaw)

Er tacce è robbba da froci (Jimmy Er Fregna)

Avatar utente
andrea12
Messaggi: 1434
Iscritto il: 2 lug 2008, 16:32

Re: Flanker

Messaggioda andrea12 » 8 nov 2011, 15:46

Solo un suggerimento, poi farai comunque come credi più opportuno: non lavorare in modo classico sulla resistenza (cioè evita la corsa prolingata a ritmi blandi......quando mai la usi in partita?).
Lavora sempre a ritmo gara e prima dell'impossibilità a continuare fai delle pause incomplete di recupero. L'aspetto aerobico è importante ma solo fisiologicamente: cioè devi comunque pagare il debito aerobico contratto. Però puoi farlo partendo anche dall'anaerobico e in più, diventa più simile al gioco, meno relegato alla preparazione fisica e più divertente, oltre che allenante. Un esempio: con i miei faccio fasi che non superano il minuto, poi 30 secondi di recupero, ecc. Se si riesce a portare il tutto a 20 minuti si riesce anche a fare della didattica (visto dalla parte del coach) ma anche un buon volume/intensità di resistenza (anche organica, non solo specifica). Puoi anche usare esercizi/skill come il placcaggio (va fatto dagli evoluti in su (la categoria non conta), in cui placchi in continuazione per 30/35" due compagni (aggiungi pure l'avanzamento tuo come placcatore, quello dell'attaccante con la palla, ecc). I recuperi non farli mai troppo brevi sennò se non hai sufficiente tempo acidifichi e basta (e non duri più di 2 minuti). Buon lavoro

skypz
Messaggi: 9
Iscritto il: 19 ott 2011, 0:51

Re: Flanker

Messaggioda skypz » 11 nov 2011, 10:31

andrea12 WroteColonSolo un suggerimento, poi farai comunque come credi più opportuno: non lavorare in modo classico sulla resistenza (cioè evita la corsa prolingata a ritmi blandi......quando mai la usi in partita?).
Lavora sempre a ritmo gara e prima dell'impossibilità a continuare fai delle pause incomplete di recupero. L'aspetto aerobico è importante ma solo fisiologicamente: cioè devi comunque pagare il debito aerobico contratto. Però puoi farlo partendo anche dall'anaerobico e in più, diventa più simile al gioco, meno relegato alla preparazione fisica e più divertente, oltre che allenante. Un esempio: con i miei faccio fasi che non superano il minuto, poi 30 secondi di recupero, ecc. Se si riesce a portare il tutto a 20 minuti si riesce anche a fare della didattica (visto dalla parte del coach) ma anche un buon volume/intensità di resistenza (anche organica, non solo specifica). Puoi anche usare esercizi/skill come il placcaggio (va fatto dagli evoluti in su (la categoria non conta), in cui placchi in continuazione per 30/35" due compagni (aggiungi pure l'avanzamento tuo come placcatore, quello dell'attaccante con la palla, ecc). I recuperi non farli mai troppo brevi sennò se non hai sufficiente tempo acidifichi e basta (e non duri più di 2 minuti). Buon lavoro


Ma infatti il mister dopo 10' di giri di campo (che però sto iniziando pian piano a fare senza problemi) fa fare esercizi con la palla in movimento...per dire...ieri eravamo ai 4 angoli di un quadrato 4x4 e dopo aver passato il pallone in una direzione dovevamo correre nell'altra, toccare l'angolo per terra e ritornare...insomma credo che sia quello di cui parlavi tu no? :)

Avatar utente
andrea12
Messaggi: 1434
Iscritto il: 2 lug 2008, 16:32

Re: Flanker

Messaggioda andrea12 » 15 nov 2011, 21:08

Credo di si.
Il concetto è molto semplice, anche se vedo che pure nelle giovanili, c'è chi li fa correre (anche senza palla in mano) anche per più di 10 minuti:
ci si porta, con esercizi vari (anche quelli sono una progressione in cui si arriva caldi alla parte principale dell'allenamento) a raggiungere valori subliminari di frequenza cardiaca e si cerca di giocare al di sopra e al di sotto della soglia anaerobica per stimolare la massima potenza aerobica, ma per alcuni versi anche i primi step di potenza lattacida. I tempi di recupero permettono il saldo dei debiti di ossigeno e anche l'avvio dei tamponamenti di acido lattico eventualmente contratto (pensa ad un lavoro uguale per tutti, che uguale non è per il pilone e l'ala, per esempio....).
Ritmi relativamente sostenuti, intervallati e interrotti da pause incomplete di recupero. Daltronde la corsa del rugby è una broken-run. Più rendi la corsa simile al gioco e più puoi lavorare specificatamente, ripetendo e riproponendo anche le stesse sensazioni di gara.
....ma credo si sia in molti, ormai, a proporre questo.
Chiaro che le spiegazioni lunghe le dai in spogliatoio prima dell'allenamento. In campo si spiega poco, si corregge meno e si lavora di più :wink:

Avatar utente
bep68
Messaggi: 1174
Iscritto il: 28 ago 2009, 10:31

Re: Flanker

Messaggioda bep68 » 21 mar 2012, 16:54

flanker?..una sola volta nella vita, in giovanile, con la maglia del vicenza a mestre e il numero 6 sulla schiena..mi son così tanto divertito che dopo 30 anni ancora mi emoziono...per un mediano poter per una volta fare il cane da caccia non ha prezzo!
se il rugby è una metafora della vita, e la vita è una ruota, sono al terzo giro, il primo da giocatore, il secondo da allenatore, il terzo da genitore..

Avatar utente
Tallonatore80
Messaggi: 5063
Iscritto il: 29 mar 2011, 1:43
Località: Downunder

Re: Flanker

Messaggioda Tallonatore80 » 25 giu 2013, 13:25

bep68 WroteColonflanker?..una sola volta nella vita, in giovanile, con la maglia del vicenza a mestre e il numero 6 sulla schiena..mi son così tanto divertito che dopo 30 anni ancora mi emoziono...per un mediano poter per una volta fare il cane da caccia non ha prezzo!



Eh bei tempi... avessi avuto qualche Cm in più sarei stato sicuramente un 7. e invece giu' il capo e sportellate...

Hanno già detto al nostro novello terza linea che nel rugby si corre?

niente maratone, ma si corre assai... e detto da un comodino senza ruote ci si può credere.
"Il rugby e` l`assoluto ordine nell`apparente disordine."
Sandro Cepparulo


Torna a “Allenatori e Didattica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite