ma perchè anche i rugbisti non sono polizziotti?

Tutto ciò che è inerente al Rugby, ma non rientra nelle altre categorie.

Moderatori: user234483, Mods

Avatar utente
pierrebi
Messaggi: 1006
Iscritto il: 8 ago 2007, 11:21

ma perchè anche i rugbisti non sono polizziotti?

Messaggioda pierrebi » 26 ago 2008, 11:50

abbiamo scoperto che quasi tutti i medagliati di Pechino ricevono, oltre ai premi e alle entrate pubblicitarie, un regolare stipendio da polizziotti ... mi domando perché lo stesso non succeda ai nazionali di rugby che invece debbono andare all'estero per guadagnare abbastanza. Facessero 4 squadre con tutti i nazionali (carabinireri, poliziotti, finanzieri e pompieri) che giocassero nel campionato italiano!

Avatar utente
Cane_di_Pavlov
Messaggi: 4506
Iscritto il: 18 ago 2005, 0:00
Località: DPV CNA 05M18 D548 E
Contatta:

Re: ma perchè anche i rugbisti non sono polizziotti?

Messaggioda Cane_di_Pavlov » 26 ago 2008, 12:01

pierrebi WroteColonabbiamo scoperto che quasi tutti i medagliati di Pechino ricevono, oltre ai premi e alle entrate pubblicitarie, un regolare stipendio da polizziotti ... mi domando perché lo stesso non succeda ai nazionali di rugby che invece debbono andare all'estero per guadagnare abbastanza. Facessero 4 squadre con tutti i nazionali (carabinireri, poliziotti, finanzieri e pompieri) che giocassero nel campionato italiano!


perchè il rugby non è sport olimpico e perchè i rugbisti (come i pallavolisti, cestisti etc etc) non hanno bisogno di uno stipendio da statale per arrivare a fine mese.
ucp.php?i=zebra&mode=foes&add=Laporte ed il forum diventerà migliore

Avatar utente
Giandolmen
Messaggi: 2509
Iscritto il: 6 mag 2003, 0:00
Località: città diffusa veneta

Re: ma perchè anche i rugbisti non sono polizziotti?

Messaggioda Giandolmen » 26 ago 2008, 13:11

pierrebi WroteColon... mi domando perché lo stesso non succeda ai nazionali di rugby che invece debbono andare all'estero per guadagnare abbastanza.


Credo che un nazionale italiano all'estero guadagni un po' di più....

e poi in Italia c'è comunque la squadra delle fiamme oro.

http://www.poliziadistato.it/pds/chisia ... /rugby.htm

Giandolmen

Avatar utente
wolf84
Messaggi: 1816
Iscritto il: 1 set 2005, 0:00
Località: Chieri
Contatta:

Re: ma perchè anche i rugbisti non sono polizziotti?

Messaggioda wolf84 » 26 ago 2008, 16:00

Come ha gia detto il quadrupede nei gruppi sportivi delle forze armate e della polizia vengono praticati solo gli sport "olimpici".
Angelo.
L'ovale ha sempre ragione.

user234483
Site Moderator
Site Moderator
Messaggi: 2850
Iscritto il: 27 mag 2004, 0:00
Contatta:

Re: ma perchè anche i rugbisti non sono polizziotti?

Messaggioda user234483 » 26 ago 2008, 17:08

ma una domanda collaterale:
che cavolo c'entrano i gruppi sportivi nelle forze armate?

non che non mi vada bene, semplicemente non capisco da dove arriva storicamente questa scelta, e cosa fa si che debba essere mantenuta ancora oggi.
andando indietro nell'avanti altrove, seminando la fecola al di sopra della pietanza, nulla stringe!

Tessera A.P.A. #0 (honoris causa); // Geneticamente m[OT]ificato.

Avatar utente
HomoCentvmcellaensis
Messaggi: 1705
Iscritto il: 18 dic 2006, 19:23
Località: Civitavecchia e Roma
Contatta:

Re: ma perchè anche i rugbisti non sono polizziotti?

Messaggioda HomoCentvmcellaensis » 26 ago 2008, 17:41

user234483 WroteColonma una domanda collaterale:
che cavolo c'entrano i gruppi sportivi nelle forze armate?

non che non mi vada bene, semplicemente non capisco da dove arriva storicamente questa scelta, e cosa fa si che debba essere mantenuta ancora oggi.


retaggio fascista

?12 Mar 2011 (22-21) - Allons enfants de l'ITALIE, le jour de gloire est arrivé !
?3 Feb 2013 (23-18) - Le XV de France coule encore à Rome ! (le Figaro) - Aridaje !!!


"La Scozia è come una grande orchestra, nella quale ogni tanto spunta una motosega" - Vittorio Munari

©Nambereit : "...il NordEst tira la carretta, i Lumbard dirigono ed il Romano bello, profumato e riposato va a segnare"

"Quanno se scherza, bisogna esse seri" - il Marchese Del Grillo

Avatar utente
Cane_di_Pavlov
Messaggi: 4506
Iscritto il: 18 ago 2005, 0:00
Località: DPV CNA 05M18 D548 E
Contatta:

Re: ma perchè anche i rugbisti non sono polizziotti?

Messaggioda Cane_di_Pavlov » 26 ago 2008, 20:28

user234483 WroteColonma una domanda collaterale:
che cavolo c'entrano i gruppi sportivi nelle forze armate?

cosa fa si che debba essere mantenuta ancora oggi.


Vengono mantenuti perchè sarebbe impossibile per un atleta di livello alto (di uno sport povero) conciliare lavoro e agonismo.

Per cui, per tenere alto l'onore sportivo italico, gli atleti vengono inquadrati nelle forze armate e mantenuti dallo stato.
ucp.php?i=zebra&mode=foes&add=Laporte ed il forum diventerà migliore

user234483
Site Moderator
Site Moderator
Messaggi: 2850
Iscritto il: 27 mag 2004, 0:00
Contatta:

Re: ma perchè anche i rugbisti non sono polizziotti?

Messaggioda user234483 » 26 ago 2008, 20:37

Cane_di_Pavlov WroteColonPer cui, per tenere alto l'onore sportivo italico, gli atleti vengono inquadrati nelle forze armate e mantenuti dallo stato.

Capisco il fatto che siano "dipendenti statali" pagati per allenarsi (cosa con cui si puo' essere legittimamente d'accordo o meno), ma perche' nelle forze armate? tantovale fare una struttura apposta, o inquadrarli come personale universitario chesso' magari in ambito CUS, non sarebbe meglio?
andando indietro nell'avanti altrove, seminando la fecola al di sopra della pietanza, nulla stringe!



Tessera A.P.A. #0 (honoris causa); // Geneticamente m[OT]ificato.

Avatar utente
HomoCentvmcellaensis
Messaggi: 1705
Iscritto il: 18 dic 2006, 19:23
Località: Civitavecchia e Roma
Contatta:

Re: ma perchè anche i rugbisti non sono polizziotti?

Messaggioda HomoCentvmcellaensis » 27 ago 2008, 0:00

user234483 WroteColon
Cane_di_Pavlov WroteColonPer cui, per tenere alto l'onore sportivo italico, gli atleti vengono inquadrati nelle forze armate e mantenuti dallo stato.

Capisco il fatto che siano "dipendenti statali" pagati per allenarsi (cosa con cui si puo' essere legittimamente d'accordo o meno), ma perche' nelle forze armate? tantovale fare una struttura apposta, o inquadrarli come personale universitario chesso' magari in ambito CUS, non sarebbe meglio?


il punto è che al di fuori dello Stato non ci sono strutture in grado di pagare un atleta professionista

il Cus sarebbe stato comunque (attraverso l'università) altrimenti ci sarebbero i dopolavoro. ma così più che atleti prof, al massimo si può metter sù la coppa Cobram con un prosciutto in palio. ecco perchè le FF.AA.. fanno a gara per prendersi gli atleti migliori. in questo campo la GdF ha lavorato tantissimo e bene; per esempio i Vigili del Fuoco avevano un gruppo sportivo fenomenale che però oggi è completamente scomparso
?12 Mar 2011 (22-21) - Allons enfants de l'ITALIE, le jour de gloire est arrivé !
?3 Feb 2013 (23-18) - Le XV de France coule encore à Rome ! (le Figaro) - Aridaje !!!


"La Scozia è come una grande orchestra, nella quale ogni tanto spunta una motosega" - Vittorio Munari

©Nambereit : "...il NordEst tira la carretta, i Lumbard dirigono ed il Romano bello, profumato e riposato va a segnare"

"Quanno se scherza, bisogna esse seri" - il Marchese Del Grillo

Avatar utente
lulu84
Messaggi: 3810
Iscritto il: 11 mar 2004, 0:00
Località: Genova

Re: ma perchè anche i rugbisti non sono polizziotti?

Messaggioda lulu84 » 27 ago 2008, 14:08

Giandolmen WroteColon
pierrebi WroteColon... mi domando perché lo stesso non succeda ai nazionali di rugby che invece debbono andare all'estero per guadagnare abbastanza.


Credo che un nazionale italiano all'estero guadagni un po' di più....

e poi in Italia c'è comunque la squadra delle fiamme oro.

http://www.poliziadistato.it/pds/chisia ... /rugby.htm

Giandolmen


si ma ci si entra con un certo diploma di studio :wink:

GRUN
Messaggi: 594
Iscritto il: 2 dic 2005, 0:00
Località: USCIO (GE)

Re: ma perchè anche i rugbisti non sono polizziotti?

Messaggioda GRUN » 28 ago 2008, 11:41

HomoCentvmcellaensis WroteColon
user234483 WroteColonma una domanda collaterale:
che cavolo c'entrano i gruppi sportivi nelle forze armate?

non che non mi vada bene, semplicemente non capisco da dove arriva storicamente questa scelta, e cosa fa si che debba essere mantenuta ancora oggi.


retaggio fascista

[/quote
User e Homocentumcellaensis buongiorno.
Mi permetto una modesta puntualizzazione. La questione è storicamente complessa ed articolata, purtroppo richiederebbe la redazione di un piccolo saggio che in uno spazio come questo non avrebbe diritto di cittadinanza. Lo sport italiano ha radici che affondano profondamente nell'ambito della storia militare ed infatti, prima degli scritti dell'illuminista napoletano Gaetano Filangieri, maestro di di Vincenzo Cuoco, e della riorganizzazione determinatasi nel regno sabaudo agli inizi del XIX secolo, con definizione anche dell'assetto giuridico dell'educazione fisica, dell'idea di attività sportiva (rimanendo comunque sempre entro gli ambiti della vita militare) tutto ciò che era attinente all'esercizio ginnico veniva ricondotto alle funzioni addestrative propedeutiche per le esercitazioni militari. Ed anche nel Piemonte sabaudo che ridefinisce ambiti e confini dell'educazione fisica si parte pur sempre dalle teorie e dalla prassi dell'istruttore svizzero Rodolfo Obermann, inacaricato di preparare gli artiglieri all'accademia militare di Torino. Solo nel 1844 viene fondata una società sportiva "civile", la Reale Società Ginnastica di Torino, che però aveva tra i fondatori, oltre ad Obermann stesso, tutti personaggi connessi in qualche modo all'accademia militare. Cercando di sintetizzare, si può dire che per tutto l'Ottocento la pratica sportiva in Italia sia stata condizionata da quella paternità, anche se si registrano, fortunatamente, sempre più significative deviazioni eterodosse, la più importante delle quali fu, per la storia dello sport in Italia, l'affermazione del ciclismo. Ma la connessione all'ambito militare per alcune specialità rimane, come dimostra ad esempio l'istituzione della sezione sciistica delle Fiamme Gialle, che data 1920 ed è quindi antecedente all'avvento del fascismo. Alcuni gruppi sportivi vennero poi fondati dai corpi militari dopo la seconda guerra mondiale, come nel caso delle fiamme Oro (1954) o delle Fiamme Azzurre (1985). Sarebbe molto intrigante analizzare perché in Italia si sia venuta a determinare questa proliferazione di gruppi sportivi generati dai corpi militari (un fenomeno che per proporzioni ed impatto qualitativo rappresenta un unicum nella storia sociale dell'Europa occidentale) e quali ricadute ciò abbia avuto sullo sport nazionale, ma, come già detto, ci spingeremmo troppo in là...

GRUN
Messaggi: 594
Iscritto il: 2 dic 2005, 0:00
Località: USCIO (GE)

Re: ma perchè anche i rugbisti non sono polizziotti?

Messaggioda GRUN » 28 ago 2008, 15:23

wolf84 WroteColonCome ha gia detto il quadrupede nei gruppi sportivi delle forze armate e della polizia vengono praticati solo gli sport "olimpici".

Ciao wolf84. Beh, no, vengono praticate anche discipline non contemplate dal programma olimpico. Nelle Fiamme Oro ci sono sezioni dedicate al motociclismo (motocross, enduro, trial e velocità), al nuoto pinnato e di salvamento, all'arrampicata sportiva e all'orientamento.
Nelle Fiamme Azzurre (polizia penitenziaria) c'è la squadra di pattinaggio a rotelle e, tieniti forte, quella di SUMO, che ha nell'ex judoka friulana Paola Boz l'elemento di riferimento.
Nelle Fiamme Gialle si praticano arrampicata ed orientamento e tutti i corpi militari hanno la squadra di biliardo (non sto scherzando).
Poi ci sarebbe il rugby con l'epopea delle Fiamme Oro Padova (poi trasferite a Roma), delle Fiamme Oro Mestre, delle Fiamme Oro Firenze, della squadra dell'Esercito e di quella del X Comiliter Napoli. Ma sull'argomento si potrebbe scrivere per dei giorni...

user234483
Site Moderator
Site Moderator
Messaggi: 2850
Iscritto il: 27 mag 2004, 0:00
Contatta:

Re: ma perchè anche i rugbisti non sono polizziotti?

Messaggioda user234483 » 28 ago 2008, 15:58

GRUN WroteColonSarebbe molto intrigante analizzare perché in Italia si sia venuta a determinare questa proliferazione di gruppi sportivi generati dai corpi militari (un fenomeno che per proporzioni ed impatto qualitativo rappresenta un unicum nella storia sociale dell'Europa occidentale) e quali ricadute ciò abbia avuto sullo sport nazionale, ma, come già detto, ci spingeremmo troppo in là...


GRUN, puntualizzazione benvenuta, visto che chiedevo proprio informazioni di questo tipo.
Tra l'altro l'argomento mi interessa parecchio, per cui se questo posto non e' adatto...scegliamone un altro e parliamone, se ti va 8-)
Un altro forum? Telefono? una pizza? :)
andando indietro nell'avanti altrove, seminando la fecola al di sopra della pietanza, nulla stringe!



Tessera A.P.A. #0 (honoris causa); // Geneticamente m[OT]ificato.

Avatar utente
djlara
Messaggi: 886
Iscritto il: 6 apr 2007, 12:34
Località: Prignano Sulla Secchia (MO)

Re: ma perchè anche i rugbisti non sono polizziotti?

Messaggioda djlara » 28 ago 2008, 17:45

GRUN WroteColonSarebbe molto intrigante analizzare perché in Italia si sia venuta a determinare questa proliferazione di gruppi sportivi generati dai corpi militari (un fenomeno che per proporzioni ed impatto qualitativo rappresenta un unicum nella storia sociale dell'Europa occidentale) e quali ricadute ciò abbia avuto sullo sport nazionale, ma, come già detto, ci spingeremmo troppo in là...


Eddai, solo un pochino.. (in attesa che sia fatto il debito approfondimento in altro forum, o davanti ad una pizza) :-]
La giustificazione formale è che lo sport fortifica, e che i militari, per esigenze difensive (o per tutte le varie funzioni attribuite ai singoli corpi: dallo spegnimento degli incendi all'accompagnamento e sorveglianza dei detenuti), devono essere forti. Lineare.
Ma la giustificazione sostanziale l'ha detta il Canello: è (quasi) impossibile per un atleta di livello alto (di uno sport povero) conciliare lavoro e agonismo.
Quasi, impossibile. C'è chi lo fa.
E i discorsi sono più o meno simili a quelli che ritrovo su questo forum nelle discussioni sulle "squadre cadette".. Càpita molto spesso che i dilettanti veri (nel senso che il lunedì mattina dovranno andare a lavorare) si misurino sul campo con dei professionisti mascherati (nel senso che il loro stipendio è per altra cosa, ma in buona sostanza sono pagati per allenarsi). E il risultato è che di solito, i campionati, siano vinti dai professionisti mascherati. Gli altri si incazzano. Ogni tanto vince anche un dilettante, grazie ad un'immensa volontà ed al naturale talento. Fa notizia. Ma, a parte questi casi sporadici, nella maggioranza dei casi, i dilettanti veri si incazzano.
So del karate, da parte mia.
E' vero che, come sport, e come tutte le arti marziali, è anche abbastanza "giustificabile" come pratica all'interno di un corpo dell'esercito. Ci sta (e ci starebbe anche il rugby, per carità, a livello di contatto, combattimento.. boh, chiamatelo come volete), in teoria.
Anzi: ci sono dei campioni di karate che si occupano anche di insegnamento ed addestramento, all'interno dell'esercito.
Ma quando si parla di campionati, e gare, e pura e semplice pratica sportiva.. beh. Lì viene il nervoso: perché gareggiare da dilettante contro un professionista, significa, in soldoni, prendere un sacco di mazzate.
In generale, la pratica sportiva diventa via via più elitaria: non trovandosi la possibilità di distinguere adeguatamente il livello di preparazione individuale (formalmente, si tratta pur sempre di dilettanti), in concreto si arriva ad equiparare situazioni completamente distinte, con l'impoverimento progressivo della fascia intermedia di praticanti, quelli che si trovano ad un gradino superiore rispetto ai puri e semplici appassionati e non rientrano nell'olimpo degli atleti più capaci.
Se fa ridere, vale.

GRUN
Messaggi: 594
Iscritto il: 2 dic 2005, 0:00
Località: USCIO (GE)

Re: ma perchè anche i rugbisti non sono polizziotti?

Messaggioda GRUN » 28 ago 2008, 17:51

djlara WroteColon
GRUN WroteColonSarebbe molto intrigante analizzare perché in Italia si sia venuta a determinare questa proliferazione di gruppi sportivi generati dai corpi militari (un fenomeno che per proporzioni ed impatto qualitativo rappresenta un unicum nella storia sociale dell'Europa occidentale) e quali ricadute ciò abbia avuto sullo sport nazionale, ma, come già detto, ci spingeremmo troppo in là...


Eddai, solo un pochino.. (in attesa che sia fatto il debito approfondimento in altro forum, o davanti ad una pizza) :-]
La giustificazione formale è che lo sport fortifica, e che i militari, per esigenze difensive (o per tutte le varie funzioni attribuite ai singoli corpi: dallo spegnimento degli incendi all'accompagnamento e sorveglianza dei detenuti), devono essere forti. Lineare.
Ma la giustificazione sostanziale l'ha detta il Canello: è (quasi) impossibile per un atleta di livello alto (di uno sport povero) conciliare lavoro e agonismo.
Quasi, impossibile. C'è chi lo fa.
E i discorsi sono più o meno simili a quelli che ritrovo su questo forum nelle discussioni sulle "squadre cadette".. Càpita molto spesso che i dilettanti veri (nel senso che il lunedì mattina dovranno andare a lavorare) si misurino sul campo con dei professionisti mascherati (nel senso che il loro stipendio è per altra cosa, ma in buona sostanza sono pagati per allenarsi). E il risultato è che di solito, i campionati, siano vinti dai professionisti mascherati. Gli altri si incazzano. Ogni tanto vince anche un dilettante, grazie ad un'immensa volontà ed al naturale talento. Fa notizia. Ma, a parte questi casi sporadici, nella maggioranza dei casi, i dilettanti veri si incazzano.
So del karate, da parte mia.
E' vero che, come sport, e come tutte le arti marziali, è anche abbastanza "giustificabile" come pratica all'interno di un corpo dell'esercito. Ci sta (e ci starebbe anche il rugby, per carità, a livello di contatto, combattimento.. boh, chiamatelo come volete), in teoria.
Anzi: ci sono dei campioni di karate che si occupano anche di insegnamento ed addestramento, all'interno dell'esercito.
Ma quando si parla di campionati, e gare, e pura e semplice pratica sportiva.. beh. Lì viene il nervoso: perché gareggiare da dilettante contro un professionista, significa, in soldoni, prendere un sacco di mazzate.
In generale, la pratica sportiva diventa via via più elitaria: non trovandosi la possibilità di distinguere adeguatamente il livello di preparazione individuale (formalmente, si tratta pur sempre di dilettanti), in concreto si arriva ad equiparare situazioni completamente distinte, con l'impoverimento progressivo della fascia intermedia di praticanti, quelli che si trovano ad un gradino superiore rispetto ai puri e semplici appassionati e non rientrano nell'olimpo degli atleti più capaci.

Djlara ciao, ben ritrovata (Fulvio Di Carlo e i nastri di hard bop che facevano impazzire i tre quarti de L'Aquila, do you remember?).
Interessante e ben scritto il tuo intervento. Vabbé, magari una volta che mi trovo a passare dalle tue parti (o tu dalle mie) si va a mangiare e si affronta l'argomento, che è mooolto interessante.


Torna a “Terzo Tempo”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 9 ospiti