Ciao

da wikipedia: SANZAR is an abbrevation of the South African Rugby Union, the New Zealand Rugby Football Union and the Australian Rugby Union. The three unions own joint rights to the Super 14 and Tri Nations

Moderatore: Ref

Avatar utente
madflyhalf
Messaggi: 5584
Iscritto il: 24 apr 2009, 16:21
Località: Casalecchio di Reno (Bo)

Ciao

Messaggioda madflyhalf » 22 mag 2019, 15:33

Un ciao a un grandissimo.

Da quando è comparso lui su un campo da rugby, l'interpretazione del suo ruolo, openside flanker, è cambiata drasticamente. Non entro nell'eterna infinita discussione se sia stato il più forte n. 7 di sempre.
Per me lo è stato, ma non è stato il più grande giocatore di sempre (quello vestiva un 7, ma non era "solo" un 7... c'era tanto altro).
cerchiobottismo da manuale eh?! :-]


Rimane inchiodata nella mia memoria la sua stagione di ritorno ai Brumbies, ormai 6 anni fa, quando Pocock si ruppe il legamento.

Mi fece capire definitivamente, che George Smith non solo era più forte e più veloce di tutti gli altri giocatori intorno a lui, al breakdown.

E' stato l'umano più intelligente e meticoloso che si sia mai visto su un campo da rugby.

Se una regola cambiava, era il primo ad adattarsi.
Uno scacchista 2 mosse avanti a chiunque altro, da solo impegnava 3 avversari che fosse in attacco o in difesa.
Un avvocato del rugby e se c'era una zona grigia di decisione arbitrale, stai sicuro che lui giocava sistematicamente su quella zona grigia.



Da orrendo mediano d'apertura, ogni volta che lo guardavo maledivo di essere smilzo e non poter giocare 7.
The Honey Badger...
Immagine
Goes vertical!

Coming soon to your screens! ;)

Avatar utente
Hap
Messaggi: 6502
Iscritto il: 3 feb 2010, 16:49

Re: Ciao

Messaggioda Hap » 22 mag 2019, 16:59

Purtroppo non ho mai avuto la possibilità di seguirlo e apprezzarne il valore. E' sempre stato, per me, un giocatore avvolto in un aura di fascino e mistero, come quando i Power Ranger erano nella cacca e arrivava sistematicamente il più figo, quello verde, a risolvere la situazione. Mi pare però che la carriera, e le voci senza mezzi termini che si alzano adesso, definiscano piuttosto bene il valore dell'individuo.

Sempre bello leggerti, anche se sempre più raro.
Che fine hai fatto? :wink:
Agli amici che compaiono dagli abissi di internet solo quando l'Italia le prende, gustando il momento con rara intensità: grazie.
Grazie.
Grazie perché mi avete fatto capire il senso di tutti quei video porno in cui i mariti si sollazzano vedendo la moglie soddisfatta da un estraneo.

Avatar utente
madflyhalf
Messaggi: 5584
Iscritto il: 24 apr 2009, 16:21
Località: Casalecchio di Reno (Bo)

Re: Ciao

Messaggioda madflyhalf » 22 mag 2019, 17:55

Vago sperduto per solari crode e tristi pareti di fondovalle.

Lì inFernet non prende.


Tra qualche match vintage anni 90 e i Inghilterra - Australia del 2015 RWC, mi tengo aggiornato con gli higlights serali di SuperXV (che poi sarebbe XVIII, ma hanno della pluma e manco hanno cambiato il DNS del sito).


ps. vedo Beale in forma, ma i Crusaders di più. Altro mondiale scritto, IMO
The Honey Badger...
Immagine
Goes vertical!

Coming soon to your screens! ;)

speartakle
Messaggi: 2883
Iscritto il: 11 giu 2012, 0:14

Re: Ciao

Messaggioda speartakle » 24 mag 2019, 12:28

madflyhalf WroteColonUn ciao a un grandissimo.

Da quando è comparso lui su un campo da rugby, l'interpretazione del suo ruolo, openside flanker, è cambiata drasticamente. Non entro nell'eterna infinita discussione se sia stato il più forte n. 7 di sempre.
Per me lo è stato, ma non è stato il più grande giocatore di sempre (quello vestiva un 7, ma non era "solo" un 7... c'era tanto altro).
cerchiobottismo da manuale eh?! :-]


Rimane inchiodata nella mia memoria la sua stagione di ritorno ai Brumbies, ormai 6 anni fa, quando Pocock si ruppe il legamento.

Mi fece capire definitivamente, che George Smith non solo era più forte e più veloce di tutti gli altri giocatori intorno a lui, al breakdown.

E' stato l'umano più intelligente e meticoloso che si sia mai visto su un campo da rugby.

Se una regola cambiava, era il primo ad adattarsi.
Uno scacchista 2 mosse avanti a chiunque altro, da solo impegnava 3 avversari che fosse in attacco o in difesa.
Un avvocato del rugby e se c'era una zona grigia di decisione arbitrale, stai sicuro che lui giocava sistematicamente su quella zona grigia.



Da orrendo mediano d'apertura, ogni volta che lo guardavo maledivo di essere smilzo e non poter giocare 7.



come non quotare. Smith è un pezzo vivente del nostro sport.

Mr Ian
Messaggi: 3720
Iscritto il: 2 feb 2012, 16:20

Re: Ciao

Messaggioda Mr Ian » 25 mag 2019, 7:19

Non so perché ma per me Smith potrebbe diventare anche un grande allenatore...un grande

Avatar utente
jpr williams
Messaggi: 18686
Iscritto il: 26 mar 2012, 11:58
Località: Gottolengo (BS)
Contatta:

Re: Ciao

Messaggioda jpr williams » 25 mag 2019, 11:27

Potrei sbagliarmi, ma Vittorietto Munari anni fa aveva coniato il termine "grillotalpa" proprio per il grande George.
Qualcuno me lo può confermare? :roll:
Il Pro>12 è un'aberrazione palancaia.
Gli italiani ammirano a tal punto la furbizia da apprezzarla persino quando è usata contro di loro. (Ennio Flaiano).
La cosa più bella del rugby è l'avversario, perchè senza di lui non si giocherebbe e quindi zero divertimento, zero rugby.
https://www.youtube.com/watch?v=-rXd8ftJSBo

Avatar utente
gcruta
Messaggi: 4068
Iscritto il: 23 mag 2006, 7:52

Re: Ciao

Messaggioda gcruta » 28 mag 2019, 11:33

jpr williams WroteColonPotrei sbagliarmi, ma Vittorietto Munari anni fa aveva coniato il termine "grillotalpa" proprio per il grande George.
Qualcuno me lo può confermare? :roll:

Credo di poter confermare. Un grandissimo dello sport che amiamo.
Tuco: "Ci... ci ri... rivedre..."
Il Biondo: "Ci rivedremo, idioti. E' per te."


Torna a “SANZAR”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti