Eccellenza

Intervista alle mamme dei rugbisty del San Donà

mom
Scritto da Rugby.it

Conosciamo meglio le mamme dei giocatori del Rugby San Donà!

Oriana D’Andrea e Maura Grando sono le mamme di 6 rugbysti biancocelesti…Dario, Daniele e Fabio Schiabel, rispettivamente in eccellenza, Serie B e U16, e Alessandro, Francesco e Giacomo Griguol che giocano in U18, U16 e U14.

Oriana: insieme potremmo quasi fare una squadra di rugby Seven!

Cosa vuol dire essere mamme di 6 rugbysti? Per esempio…quante magliette lavate alla settimana?

Maura: meglio non contarle, sono troppe! Se iniziamo a contarle, smettiamo di fare la lavatrice!

Oriana: in realtà siamo molto orgogliose dei nostri figli! Il rugby è disciplina, rigore e crediamo che completi l’educazione dei nostri figli. A casa ci siamo noi genitori, fuori c’è questo sport! Nel mio caso, il rugby ha fatto da babysitter ai miei figli…eh che babysitter!

Tre figli, tutti maschi, tutti rugbysti…è inutile chiedere di cosa parliate a casa!

Maura: di rugby! I miei figli sono appassionati dello sport in generale come il calcio e la moto GP…

Oriana: viva Valentino! A casa mia si parla anche di cucina. Dario studia per diventare cuoco e i suoi fratelli sono dei buongustai!

Come vivete la tensione la sera prima della partita?

Maura: Non ci sono grossi problemi; di solito si chiudono in camera o ascoltano musica..

Oriana: Tendono ad isolarsi, lo noto di più con Dario che gioca in eccellenza. Pensa che di lui capisco come giocherà la partita da come entra in campo…

Seguite tutte le partite?

Maura: si tutte, al massimo ci dividiamo con i nostri mariti ma cerchiamo di andare anche a tutte le trasferte!

Oriana: io vado bene…giocano tutti e tre in momenti diversi!

C’è qualcosa a cui i vostri ragazzi stanno rinunciando, secondo voi?

Oriana: la vita sociale…tra lo studio e gli allenamenti sono molto impegnati e hanno poco tempo per uscire con i loro amici e svagarsi…anche se per certe mamme questo potrebbe essere un bene !

Maura: però hanno buoni risultati in campo e questo ci rende davvero orgogliose!

Informazioni sull'autore

Rugby.it