Coppe Europee

Le Zebre attendono Gloucester e la storia

Henry-Trinder
Scritto da Rugby.it

Guidi sceglie le Zebre che dovranno provarci

Potrebbe essere una giornata storica quella che si vivrà domani al Lanfranchi a partire dalle 15.00. Nello stadio parmigiano sarà Gloucester, ormai matematicamente qualificata, a frapporsi fra le Zebre ed un passaggio del turno che avrebbe davvero il sapore dell’impresa storica. Naturalmente sarà difficilissimo raggiungere un tale obiettivo che risulta legato ad una serie di combinazioni di risultati nelle altre pool della Challenge, senza dimenticare, naturalmente, che il tutto non può prescindere da una vittoria (magari con punto di bonus) contro i fortissimi cherry-white, tra l’altro detentori del trofeo, obiettivo tutt’altro che semplice e che sarebbe già di per sé una grande impresa. E’ bello, però, ritrovarsi all’ultima giornata a fare calcoli che, all’inizio del torneo, quasi nessuno pensava di dover fare. Tra l’altro una vittoria (o un pareggio) consentirebbe il raggiungimento di un altro traguardo storico, vale a dire l’inviolabilità del campo amico sul quale si sono già dovute inchinare Worcester e La Rochelle. Buone notizie per Gianluca Guidi arrivano dall’infermeria, dalla quale sono finalmente usciti Leonardo Sarto e Tommaso Boni, che tornano a disposizione dello staff tecnico, nella stessa settimana in cui Jacques Brunel ha reso omaggio all’ottima stagione bianconera chiamando in azzurro ben 13 giocatori della franchigia emiliana. Come concordato con lo staff azzuro alcuni di questi giocatori (Canna, Chistolini, capitan Biagi, Garcia e Lovotti) resteranno a riposo onde limitare rischi di affaticamento o infortuni a sole due settimane dall’inizio del 6 Nazioni. Questo, oltre ai lievi infortuni che terranno fuori D’Apice e Meyer, non bastano a togliere convinzione alla squadra, come sottolinea il team-manager Andrea De Rossi: “Le Zebre si sono costruite una credibilità internazionale, prova ne è la formazione che il Gloucester ci opporrà domani: la migliore possibile; significato di grande rispetto nei nostri confronti. Questa gara contro gli inglesi suggella una coppa europea piena di buoni risultati per le Zebre. Mancheranno alcuni azzurri che osserveranno un turnover concordato con la nazionale; scenderà in campo una squadra pronta a rivaleggiare con le squadre del Guinness PRO12 nei prossimi due mesi, a partire da sabato prossimo a Parma contro la corazzata Munster.

Queste le formazioni annunciate:

Zebre Rugby: 15 Kayle Van Zyl, 14 Dion Berryman, 13 Tommaso Boni, 12 Matteo Pratichetti, 11 Leonardo Sarto, 10 Edoardo Padovani, 9 Guglielmo Palazzani, 8 Andries Van Schalkwyk, 7 Jean Cook, 6 Jacopo Sarto, 5 Marco Bortolami (cap), 4 Valerio Bernabò, 3 Pietro Ceccarelli, 2 Oliviero Fabiani, 1 Andrea De Marchi
A disposizione: 16 Emiliano Coria, 17 Bruno Postiglioni, 18 Guillermo Roan, 19 Gideon Koegelenberg, 20 Federico Ruzza, 21 Luke Burgess, 22 Ulrich Beyers, 23 Kelly Haimona
Gloucester: 15 Rob Cook, 14 David Halaifonua, 13 Bill Meakes, 12 Mark Atkinson, 11 Steve McColl,10 Billy Burns,9 Willi Heinz; Ben Morgan, 7 Jacob Rowan (cap),6 Lewis Ludlow, 5 Mariano Galarza,4 Joe Latta, 3 Paul Doran-Jones, 2 Tom Lindsay,1 Yann Thomas
A disposizione: 16 Darren Dawidiuk, 17 Nick Wood, 18 Josh McNulty,19 Tom Hicks, 20 Elliott Stook,21 Callum Braley, 22 Charlie Sharples, 23Gareth Evans)

L’incontro sarà diretto da una terna irlandese composta dal referee Gary Conway e dagli assistenti Eddie Hogan-O’Connel e John Carvill.

jpr

Informazioni sull'autore

Rugby.it