Eccellenza

Eccellenza: una poltrona per…tre!

Eccellenza-Rugby111
Scritto da Rugby.it

Campionato di Eccellenza: si incorona il campione d’inverno

Mancano 80 minuti alla fine del girone di andata del Campionato nazionale di Eccellenza, al termine dei quali conosceremo il primo e simbolico verdetto della stagione: chi sarà il campione d’inverno? In lizza ci sono tre squadre, vale a dire le eterne rivali delle ultime stagioni, Calvisano e Rovigo, con l’aggiunta della “terza incomoda”, almeno per le altre due, Petrarca Padova.

La squadra di Andrea Cavinato è indubbiamente quella che ha fatto il maggiore salto di qualità, sinora, rispetto alla passata stagione. I neri sono attualmente in testa alla classifica con 33 punti a pari merito con Calvisano e sono attesi da una difficile trasferta al Quaggia per il derby veneto contro Mogliano, squadra che ha appena colmato il vuoto lasciato in campo da Aristide Barraud con il maori Trent Renata. La partita è apertissima ed è difficile davvero fare un pronostico; in caso di vittoria i neri potrebbero arrivare a 37/38 punti, ma potrebbero anche pareggiare o perdere con bonus e trovarsi a 34/35.
Quota 35 è quella dove quasi certamente troveremo sabato sera i Bersaglieri, da poco affidati alla guida tecnica di Joe McDonnell: difficile immaginare che i rossoblù non riescano a centrare la vittoria col massimo punteggio nell’impegno casalingo contro i Lyons Piacenza.
Partita complessa, invece, quella che i gialloneri di Massimo Brunello affronteranno a Ponte Galeria. Sulla carta Calvisano è più forte, ma le Fiamme Oro sono una buona squadra che finora ha parecchio deluso e potrebbe cercare il risultato di prestigio per rilanciarsi. Tutto sommato, però, una vittoria senza bonus per i Campioni d’Italia è forse la cosa più probabile e li porterebbe a quota 37.
In conclusione, forse, la classifica di sabato sera potrebbe vedere Calvisano a 37 e Padova e Rovigo a 35. Sarà così? Scommettiamo di no?
In ogni caso, buon rugby a tutti e godiamoci quest’ultimo appuntamento di mezza stagione.

jpr

Informazioni sull'autore

Rugby.it