News

Nove mete gallesi chiudono l’avventura azzurra di Brunel

RBS 6 Nations Championship Round 5, Principality Stadium, Cardiff, Wales 19/3/2016
Wales vs Italy
Italy head coach Jacques Brunel
Mandatory Credit ©INPHO/Donall Farmer
Scritto da Rugby.it

Azzurri coraggiosi ma surclassati dai gallesi. In meta Palazzani e Garcia

Gli azzurri chiudono il Sei Nazioni con una pesante sconfitta al Millennium di Cardiff, contro un Galles apparso superiore atleticamente ancor più che tecnicamente. Infragilita dai numerosi infortuni, la squadra di Brunel si è trovata quasi costantemente in difficoltà, soprattutto nel contenere gli affondi dei due centri, di North e di Webb.

In un Millennium Stadium quasi colmo rossi e azzurri sono entrati in campo preceduti da un caprone lanuto piuttosto spaventato dagli effetti pirotecnici; per Parisse e in particolare Castrogiovanni, entrambi al 119° cap, una bella accoglienza da parte del pubblico gallese.
I dragoni hanno mostrato le proprie intenzioni già dalla prima azione, una lunga folata a tutta squadra fermata dopo due minuti solo da un gran placcaggio di Leonardo Sarto, che si dimostrerà uno dei più efficaci tra gli azzurri. Dopo quattro minuti e mezzo è già meta, con Webb che schiva facilmente Lovotti ed evita il ritorno di Allan dopo una touche vinta in attacco dai propri uomini; Biggar converte per il 7-0.
Il piano dei gallesi è semplice e un po’ sbruffone: provano a giocare alla mano quasi dappertutto, anche sulla propria linea di meta. Biggar amplia il vantaggio con due piazzati al 15’ e al 18’, dopo un giallo rimediato da Palazzani. Al ventottesimo rientra il bravo mediano azzurro ma i gallesi vanno subito in meta: touche vinta, Biggar passa facilmente Giazzon e dopo un doppio scambio con Roberts va comodamente in meta in mezzo ai pali. Venti a zero.
Al 32’ ancora meta gallese: calcetto di Garcia in profondità, gli azzurri si buttano in avanti, il Galles recupera palla sulla propria fascia sinistra con l’Italia maldisposta e apre a destra percorrendo tutto il campo con una serie di facili passaggi in mezzo agli azzurri sfilacciati, fino alla meta di Davies. Biggar centra di nuovo i pali per il 27-0.
La sfortuna o il gap atletico –chissà?- minano ulteriormente la formazione azzurra: Bellini esce a braccia e lascia posto a Mc Lean, Pratichetti esce per Haimona, Allan zoppica ma rimane in campo.
Al quinto minuto della ripresa il Galles torna in meta, dopo un’asfissiante azione a ventuno fasi nella quale gli azzurri difendono bene fino alla incerta uscita di McLean, trovatosi comunque a dover coprire due avversari sull’estrema fascia sinistra.
Al 47’ grande slalom in contropiede di Odiete, che imita il proprio conterraneo Razzoli ma poi spreca passando alla cieca all’indietro, con l’azione azzurra che va poi a spegnersi. I gallesi sono comunque sempre più padroni del gioco e due minuti dopo North va in meta quasi con facilità, bucando la linea azzurra in mezzo al campo. Sul 39-0 il gioco inizia ad aprirsi ancora di più e arriva qualche occasione anche per la nostra nazionale: al 51’ Sarto dimostra intuito e grandi gambe e arriva vicino alla meta in cooperazione con il fratello, l’Italia rimane in avanti e al 54′ va in meta con tutta la mischia alla quale si aggiungono in spinta anche Palazzani, Haimona e Garcia.
Dopo la sesta meta gallese con l’estremo Williams arriva anche la marcatura di Garcia, su grande servizio di Allan che attira su di sé due uomini e riesce a scaricare in offload sul compagno. Il finale è però ancora gallese con una meta di Davies e due mete di Moriarty, la seconda delle quali dopo una spettacolare ma amara meta di Odiete, fermato dall’arbitro dopo un contropiede di novanta metri per un fuorigioco azzurro a inizio azione. Per David in premio solo una pacca sulla spalla da parte di North, man of the match.
Finisce 67-14 l’avventura dell’Italia nel Sei Nazioni 2016 e il viaggio azzurro di Jaques Brunel

GALLES 67
ITALIA 14

5’ meta Webb tr Biggar
15’ cp Biggar
18’ cp Biggar
29’ meta Biggar tr Biggar
32’ meta Davies tr Biggar
45’ meta Roberts
49’ meta North tr Biggar
54’ meta Palazzani tr Haimona
57’ meta Williams tr Biggar
62’ meta Garcia tr Haimona
65’ meta Moriarty tr Priestland
79’ meta Moriarty tr Priestland
80’+2’ meta G.Davies tr Priestland

Galles
15 Liam Williams, 14 George North, 13 Jonathan Davies, 12 Jamie Roberts, 11 Hallam Amos (49’ Anscombe), 10 Dan Biggar (65’ Priestland), 9 Rhys Webb (64’ G.Davies), 8 Taulupe Faletau, 7 Justin Tipuric (41’ Moriarty), 6 Dan Lydiate, 5 Luke Charteris, 4 Bradley Davies, 3 Samson Lee (Francis), 2 Scott Baldwin (Owens), 1 Rob Evans (51’ Jenkins). All.: Gatland
19 Jake Ball

Italia
15 David ODIETE, 14 Leonardo SARTO, 13 Andrea PRATICHETTI (36’ Haimona), 12 Gonzalo GARCIA, 11 Mattia BELLINI (34’ McLean), 10 Tommaso ALLAN, 9 Guglielmo PALAZZANI (65’ Lucchese), 8 Sergio PARISSE, 7 Alessandro ZANNI, 6 Francesco MINTO (60’ Steyn), 5 Valerio BERNABO’ (41’ J.Sarto), 4 Quintin GELDENHUYS, 3 Martin CASTROGIOVANNI (41’ Chistolini), 2 Davide GIAZZON (65’ Zanusso), 1 Andrea LOVOTTI (41’ Fabiani)

Arbitro: R.Poite (Fra)

(gorgo)

Informazioni sull'autore

Rugby.it