News

Il trionfo delle azzurre in Galles chiude il 6N

wal ita wom
Scritto da Rugby.it

La selezione Femminile permette all’Italia del rugby di terminare un amaro e frastornante Sei Nazioni 2016 con una nota dolce, vincendo a sorpresa 16-12 sul campo del Galles dopo una prestazione non certo esente da errori ma piena di cuore e coraggio. Gli unici due successi nei quindici match disputati dalle nostre nazionali tra febbraio e marzo sono arrivati dalle ragazze di Di Giandomenico.
A Port Talbot è stata una partita emozionante ma non certo spettacolare; gli errori sono piovuti numerosi da entrambe le parti, con le gallesi indisciplinate soprattutto nei raggruppamenti e le azzurre non di rado imprecise nei placcaggi.
Le trequarti azzurre, pur prive di Furlan e Schiavon e con una Barattin meno luccicante del solito, hanno fatto a volte scalpore con deliziosi scambi alla mano in spazi ravvicinati e con gli offload della Cioffi, ma non sono quasi mai riuscite a creare coralmente azioni ariose ed efficaci. Parziale eccezione è stata l’apertura al largo che ha portato alla prima meta di Beatrice Rigoni, al 10′, con passaggi fino alla Stefan e un calcio a seguire dell’ala azzurra, brava a riconquistare in qualche modo per prima la palla rimbalzante; fermata a pochi metri dalla linea, la numero 11 ha ceduto il pallone alla Barattin che ha aperto a sinistra per la meta della Rigoni sulla fascia.
Sotto 0-5, il Galles ha iniziato a prendere un lieve predominio nel gioco, apparendo più solido fisicamente e più presente nel controllo del pallone, ma le numerose e prolungate azioni delle “porre” si sono quasi sempre spente in errori delle stesse giocatrici di casa, a volte non forzati e a volte stimolati dai mille placcaggi delle azzurre.
A 24′ una nuova azione multifase delle rosse di casa è interrotta a pochi metri dalla linea di meta da un gran placcaggio della Cammarano, le gallesi aprono ancora ma si lasciano sfuggire il pallone, la Rigoni lo raccoglie e si lancia in un contropiede che termina dopo novanta estenuanti metri con il tuffo in meta per lo 0-10. Beatrice, autrice durante l’incontro anche di due difficili e deliziosi calci indiretti in touche, diventa il primo atleta azzurro (maschile, U20 o femminile) a segnare due mete in questa edizione del Sei Nazioni.
Attorno alla mezz’ora di gioco la Sillari arrotonda il punteggio con un piazzato da facile posizione, per infrazione in raggruppamento: 0-13.
Le ragazze di Di Giandomenico provano a bloccare il risultato fino all’intervallo ma due minuti prima del riposo la Arrighetti, subentrata alla Este, subisce un’espulsione temporanea e un minuto più tardi le gallesi vanno in meta con la numero otto Harries, dopo una touche e un drive del pack: 5-13 alla fine del primo tempo, con le trenta giocatrici già molto provate dalla fatica.
Nella ripresa le bionde in maglia rossa provano a sfruttare ancora la superiorità numerica e una certa supremazia in mischia: dopo un tentativo fallito trovano al 44′ la seconda meta con le avanti, meta realizzata ancora dalla Harries dopo una combinazione touche + maul. La Wilkyns trasforma riducendo lo scarto al minimo, 12-13.
Il rientro della Arrighetti ridà un po’ di fiato e sicurezza alle azzurre, che al 52′ si portano sul 12-16 grazie a un altro calcio di punizione della Sillari. Ma è il Galles ad avere quasi costantemente il controllo della palla, con l’Italia che sembra sempre sul punto di aprire le proprie maglie difensive. La qualità dei placcaggi azzurri non è eccelsa, ma la capacità delle formichine azzurre di coprire i buchi delle compagne riesce ogni volta a fermare quasi miracolosamente le gallesi. All’ultima azione la giocatrice di casa più pericolosa, la Harries, trova un buco a centro campo e si invola potente, ma un deciso placcaggio della Stefan la ferma a trenta metri dai pali, le gallesi riprendono palla e aprono ma commettono in-avanti, la direttrice di gara fischia tre volte e le ragazze di Di Giandomenico possono esultare e lasciarsi cadere a terra per una grande e insperata vittoria.

Galles-Italia 16-12, le marcatrici

7′ meta Rigoni
24′ meta Rigoni
34′ cp Furlan
39′ meta Harries
44′ meta Harries tr Wilkyns
52′ cp Sillari

Ultima giornata

Francia Inghilterra 17-12
Irlanda Scozia 45-12
Galles Italia 12-16

Classifica finale

1 Francia 8 (+ 78)
2 Inghilterra 8 (+ 47)
3 Irlanda 6
4 Galles 4 (- 14)
5 Italia 4 (- 40)
6 Scozia 0

(gorgo)

Informazioni sull'autore

Rugby.it