Pro 12

Le Zebre all’ultima trasferta

GlavZeb16_rdax_420x240_80
Scritto da Rugby.it

Scelte le Zebre che sfideranno i Warriors

E’ l’ultima trasferta della stagione quella che attende le Zebre di Gianluca Guidi venerdì sera allo Scotstoun Stadium di Glasgow contro i Warriors nel ventunesimo turno del Guinness PRO12; si giocherà alle 20.35 ora italiana. Sarà possibile vedere il match in diretta streaming su www.raisport.rai.it o in differita su Rai Sport 2 alle 22.45.
Coach Guidi comunica le sue scelte che prevedono Ulrich Beyers come estremo, mentre alle ali, in assenza di Sarto e Berryman, agiranno Van Zyl e Toniolatti; cerniera dei centri composta da Garcia e Boni, mentre la mediana sarà affidata a Burgess e Canna. Davanti prima linea formata da De Marchi, Fabiani e Chistolini, con Geldenhhuys e Bortolami seconde linee; Caffini e Cristiano saranno i flanker con Ruzza numero 8.
Come di consueto è il team-manager Andrea De Rossi a presentare il match: “Ci apprestiamo ad affrontare l’ultima trasferta stagionale, una tra le più difficili contro i campioni in carica. Ci aspetta uno stadio già tutto esaurito da più di una settimana che sosterrà fortemente i Warriors alla ricerca della vittoria per garantirsi i playoff per difendere il titolo. Nel nostro XV mancherà Meyer e ci sarà l’assenza di Cook per motivi familiari: ciò ci permetterà di schierare dall’inizio una terza linea tutta italiana chiamata ad una prova di carattere contro un reparto scozzese collaudato e d’esperienza. Il ritorno dal primo minuto di Burgess e Garcia da qualità ed esperienza alla linea dei trequarti dove pesano le assenze di Sarto e Berryman. Ci fa molto piacere il rientro di Van Schalkwyk, atleta che pensavamo avesse finito la stagione per infortunio: darà un sicuro e sostanziale contributo sia a livello tecnico che a livello di spogliatoio in vista di queste due ultime gare di campionato.

Formazione annunciata:

Zebre Rugby: 15 Ulrich Beyers, 14 Giulio Toniolatti, 13 Tommaso Boni, 12 Gonzalo Garcia, 11 Kayle Van Zyl, 10 Carlo Canna, 9 Luke Burgess, 8 Federico Ruzza, 7 Filippo Cristiano, 6 Emiliano Caffini, 5 Marco Bortolami, 4 Quintin Geldenhuys (cap), 3 Dario Chistolini, 2 Oliviero Fabiani, 1 Andrea De Marchi
A disposizione: 16 Bruno Postiglioni, 17 Emiliano Coria, 18 Pietro Ceccarelli, 19 Gideon Koegelenberg, 20 Andries Van Schalkwyk, 21 Guglielmo Palazzani, 22 Giulio Bisegni, 23 Kelly Haimona

Dal fronte scozzese si annuncia che a capitanare i guerrieri sarà il flanker Rob Harley, in una partita vincendo la quale i campioni in carica del Pro12 si garantirebbero matematicamente l’accesso ai playoff. Un’assenza pesante sarà quella di Stuart Hogg, sostituito a fullback da Glenn Bryce. Coach Gregor Townsend commenta soddisfatto la condizione dei suoi: ” Le nostre ultime settimane sono state piuttosto buone: abbiamo lavorato bene e ci sentiamo prontissimi per il campo, per quella che sarà la nostra ultima apparizione davanti ai nostri tifosi nella stagione regolare. So che le Zebre sono in lotta con Treviso per la conquista di un posto nella prossima Champions Cup (chi scrive non vede questa lotta spasmodica, per la verità, n.d.r.) e quindi verranno qua cercando di fare risultato. Perciò noi dovremo dare il massimo. So anche che sarà una serata particolare per James Eddie e Mike Blair, che hanno annunciato il loro ritiro, mentre altri giocatori lasceranno la squadra a fine stagione (Glenn Bryce, Taqele Naiyaravoro, Duncan Weir, Jerry Yanuyanutawa e Leone Nakarawa, n.d.r.): sono certo che i nostri tifosi sapranno come salutarli e ringraziarli per quanto hanno fatto per noi“.

Formazione annunciata:

Glasgow Warriors: 15. Glenn Bryce, 14. Taqele Naiyaravoro, 13. Mark Bennett, 12. Alex Dunbar, 11. Sean Lamont, 10. Duncan Weir, 9. Grayson Hart, 1. Jerry Yanuyanutawa, 2. Pat MacArthur, 3. D’arcy Rae, 4. Greg Peterson, 5. Leone Nakarawa, 6. Rob Harley (Cap), 7. Simone Favaro, 8. Adam Ashe
A disposizione: 16. Fraser Brown, 17. Gordon Reid, 18. Zander Fagerson, 19. Tim Swinson, 20. Ryan Wilson, 21. Ali Price, 22. Finn Russell, 23. Tommy Seymour
jpr

Informazioni sull'autore

Rugby.it