Pro 12

Treviso cade a Dublino nell’ultimo match

q
Scritto da Rugby.it

Irlandesi padroni dell’incontro; in meta per i veneti Lazzaroni, Muccignat e Bacchin

LEINSTER 50
BENETTON RUGBY 19

LEINSTER: 
15 Rob Kearney (23′ Noel Reid), 14 Isa Nacewa, 13 Garry Ringrose, 12 Ben Te’o, 11 Dave Kearney (57′ Hayden Triggs), 10 Johnny Sexton (46′ Cathal Marsh), 9 Eoin Reddan (68′ Luke McGrath), 8 Jamie Heaslip, 7 Jordi Murphy, 6 Rhys Ruddock (53′ Dominic Ryan), 5 Mick Kearney, 4 Devin Toner, 3 Mike Ross (51′ Tadhg Furlong), 2 Richardt Strauss (51′ Sean Cronin), 1 Jack McGrath (54′ Peter Dooley)

BENETTON TREVISO: 1 Matteo Zanusso (66′ Matteo Muccignat), 2 Ornel Gega (53′ Luca Bigi), 3 Simone Ferrari (54′ Salesi Manu), 4 Marco Fuser, 5 Filo Paulo, 6 Francesco Minto (66′ Andrea De Marchi), 7 Alessandro Zanni (c) (41′ Marco Lazzaroni), 8 Abraham Steyn, 9 Edoardo Gori (42′ Alberto Lucchese), 10 Luke McLean, 11 Angelo Esposito, 12 Alberto Sgarbi, 13 Tommaso Iannone (41′ Enrico Bacchin), 14 Ludovico Nitoglia (73′ James Ambrosini), 15 Jayden Hayward.

Marcatori: 9′ meta Sexton, 20′ meta Strauss, 26′ meta Strauss tr. Sexton, 45′ meta McGrath tr. Nacewa, 50′ meta Nacewa tr. Nacewa, 56′ meta Kearney, 61′ meta Lazzaroni tr. Hayward, 63′ meta Reid tr. Nacewa, 72′ meta Muccignat, 77′ meta Bacchin tr. Hayward, 80’+1 meta Ringrose tr. Nacewa.

Note: al 55′ giallo a Paulo, spettatori 10.083

Una Benetton forse un po’ appagata dopo l’impresa della settimana scorsa contro il Connacht chiude la stagione con una larga sconfitta sul campo del Leinster, nella nuova ma già gloriosa RDS Arena. Gli irlandesi si sono portati fino al 36-0 a metà ripresa, prima che la girandola di mete finale permettesse ai veneti di alleviare il gap.

Alla seconda azione offensiva, dopo 9’, gli irlandesi sono passati in vantaggio con una serie di scambi tra Nacewa e Sexton finalizzata da quest’ultimo. Dopo una meta fallita da Kearney al 14’, i blu di casa si sono portati sul 10-0 al 20’ con una maul che ha condotto in meta Strauss. Al 27’, irlandesi sul 17-0: seconda meta di Strauss e prima trasformazione si Sexton. Poco prima dell’intervallo i biancoverdi si affacciano nell’area dei ventidue dublinese: Gega prova l’incursione ma viene portato in touche a pochi metri dalla meta.

Nella ripresa il Leinster sembra voler aumentare ancora l’intensità e la qualità del proprio gioco: Nacewa è un gattone agile e veloce che mette quasi sempre in crisi la linea difensiva trevigiana. Al 45’ l’ala figiana propizia la meta di McGrath, al 51’ è lo stesso Nacewa a segnare la meta dopo una bella azione corale originata da un’altra sua invenzione. Sembra una cascata di mete irlandesi: al 55’ è Kearney a segnare dopo il giallo comminato a Filo Paulo.

Nell’ultimo quarto dell’incontro, con le formazioni un poco trasformate dalle sostituzioni, esce finalmente la Benetton: al 61′ Manu serve Nitoglia che impegna la difesa irlandese e permette di aprire sulla destra, pallone al largo e meta di Lazzaroni. Dopo la settima meta leinsteriana al 63’, arrivano anche la seconda e la terza meta venete: al 73’ buona azione aperta, con spostamento fluido del pallone fino a Muccignat che segna al largo. Due minuti più tardi meta di Bacchin dopo una serie di raccogli & vai. All’ultima azione ottava meta di casa con Ringrose, per il 50-19 finale.

La concomitante vittoria delle Zebre condanna Treviso all’ultima posizione e a salutare la Champions Cup del prossimo anno, ma il sospetto è che, come ai tempi del ciclista Malabrocca, ci sia stata tra le due franchigie italiane una inconscia corsa ad arrivare ultimi, per finire tra qualche mese nella meno gloriosa ma più abbordabile Challenge Cup.

(gorgo)

Informazioni sull'autore

Rugby.it