Eccellenza

Giornata di sorprese in Eccellenza

17838437_1372019189520824_167179218_o
Scritto da Rugby.it

L’Eccellenza emette il primo verdetto: Calvisano vince la regular

E’ stata una giornata piena di risultati sorprendenti questa sedicesima, anche se proprio una mancata sorpresa è alla base del primo verdetto definitivo di questa stagione.
Il responso arriva dalla Caserma Gelsomini dove la capolista Rugby Calvisano, pur giocando una delle sue peggiori partite da molto tempo a questa parte, batte le Fiamme Oro, senza, per la verità, troppo meritarlo. Dopo un primo tempo in netta sofferenza i gialloneri bresciani riescono comunque a chiudere avanti per 6-7 grazie ad una meta di Paz in chiusura di frazione che ribalta il punteggio fin lì fissato dal piede di Buscema. Nella seconda frazione si vede pochissimo gioco e le marcature sono solo due, entrambe dalla piazzola; quella vincente è l’ultima di Minozzi che fissa il punteggio sul 9-10 e regala una vittoria con poco merito ad una squadra ospite fisicamente molle e tecnicamente approssimativa; da segnalare, a tempo scaduto, la possibilità per i cremisi di ribaltare il punteggio, sempre dalla piazzola, con Azzolini, che, però, fallisce. (Punti: Fiamme Oro 1, Calvisano 4).
Con questo risultato Calvisano arriva a 72 punti che il Petrarca a 59 non potrà comunque raggiungere, avendo perso il derby del Pacifici contro un Rugby San Donà che butta in campo tutto il suo orgoglio e la sua rabbia per l’ingiustizia subita in settimana che toglie, praticamente, ai veneziani la possibilità di raggiungere i playoff. I padroni di casa giocano con ardore e convinzione il primo tempo segnando due mete che chiudono la frazione sul 12-0. Nella ripresa, poi, caratterizzata da parecchio nervosismo e provvedimenti disciplinari, il Petrarca sorpassa con due mete trasformate, ma la zampata finale è del solito Jimmy Ambrosini che regala ai suoi l’ennesima vittoria per un punto di questa stagione: 15-14. (Punti: San Donà 4, Petrarca 1).
La battuta d’arresto del Petrarca ridà fiato alle speranze dei campioni in carica della Rugby Rovigo di raggiungere la seconda piazza; i rossoblù, infatti, al Battaglini hannno facilmente ragione di un Mogliano Rugby ormai piuttosto demotivato e senza più obiettivi da inseguire. Con 5 mete a 1 i Bersaglieri vincono 33-5 e si avvicinano a 4 punti dal secondo posto. (Punti: Rovigo 5, Mogliano 0).
Allo Zaffanella il Rugby Viadana non va oltre il pari contro i disperati Lyons che chiudono la prima frazione avanti per 6-10 e si vedono sorpassare nel secondo tempo, riuscendo ad impattare a pochi minuti dalla fine col solito precisissimo Mortali che fissa il 13-13. I padroni di casa non possono certo essere soddisfatti del risultato, anche se la vittoria più importante l’avevano comunque ottenuta in settimana con la sentenza che, affossando San Donà, ha spianato loro la strada per il quarto posto. Risultato, invece, che premia i meriti degli emiliani, ma che, probabilmente, servirà loro poco in chiave salvezza. (Punti: Viadana 2, Lyons 2).
A vanificare la piccola impresa dei Lyons, infatti, ci pensa la Lazio Rugby, corsara sul campo della Canalina contro i padroni di casa della Conad Reggio; questi ultimi, anche loro, come Viadana, beneficiari della sentenza che in settimana ha praticamente sancito la loro salvezza, escono sconfitti dal campo, conquistando, comunque, ben 2 punti. Partita dall’andamento strano con un primo tempo dominato dagli ospiti che chiudono avanti per 5-22, mentre nel secondo tempo sono i padroni di casa a farsi sotto. Nel convulso finale la Lazio rimane in 13 e Reggio piazza allo scadere una meta che porta due punti essendo la quarta e portando il gap sotto break: 26-29 con doppio cartellino rosso finale. (Punti: Conad Reggio 2, Lazio Rugby 5).
Per effetto di questi risultati e della citata sentenza questa è la classifica aggiornata:
Calvisano 72, Petrarca 59, Rovigo 55, Viadana 36, Fiamme Oro 33, Mogliano e San Donà* 30, Reggio 29, Lazio 26, Lyons 19.

*San Donà -8 punti per effetto della sentenza del tribunale del CONI.

   jpr

Informazioni sull'autore

Rugby.it