Eccellenza

In eccellenza un pareggio da Rocky II!

rocky-ii-1979-03-g
Scritto da Rugby.it

Pareggio fra Fiamme e Rovigo, mentre San Donà e Viadana inseguono e il Petrarca fa il suo

La ricordate tutti la scena finale di Rocky II, quando Rocky e Apollo, dopo essersi tirati un pugno alla volta per n volte fermi in mezzo al ring cadono a terra stremati? Là, poi, Rocky si rialza e vince (ma quella è fiction), mentre a Ponte Galeria ci pensa il sig, Vivarini a dire ai due pugili suonati che il match è finito ed è pari, un pari meritato da entrambi. Intanto San Donà emerge da un confronto durissimo contro la squadra di Pasquale Presutti, uno che sa insegnare ai suoi ragazzi come si combatte fino alla fine, mentre Petrarca e Viadana passano una tranquilla giornata sdraiati…su dei comodi materassi. Ma andiamo con ordine.
Dunque il risultato che fa sensazione arriva proprio da quello che era comunemente ritenuto il match-clou di giornata: alla Caserma Gelsomini i Bersaglieri della Rugby Rovigo scappano in fuga all’avvio portandosi addirittura sullo 0-13 e fanno pensare ad un match in discesa. Ma poi le Fiamme Oro si svegliano e con due mete di Ngaluafe e un calcio di Roden ribaltano la situazione e chiudono la prima frazione avanti per 15-13. Nella ripresa i due pugili cominciano a tirarsi un pugno per volta: dopo la meta di Barion al centro del ring si piazzano i piazzatori Mantelli e Roden che si scambiano pappine da 3 punti alternandosi, finchè il poliziotto mette a segno l’ultima sventola, quella del 24-24 allo scadere, i due pugili stramazzano e Vivarini dice fischiando che basta così. (Punti: Fiamme Oro 2, Rovigo 2).
Dietro i poliziotti si mette in scia il Rugby San Donà che vince al Lodigiani un match fondamentale e durissimo: partita in bilico sino alla fine con i Medicei che, chiusa la prima frazione avanti 7-3, grazie ad un piazzato del sempre lucidissimo Stefan Basson (che si infortuna: auguri) si erano portati in vantaggio di misura dopo una serie di botte e risposte. L’ultima parola, però, spetta al giovane Biasuzzi che segna la meta della vittoria al 70’ siglando il 13-17 finale che consente ai suoi di portare a casa una vittoria fondamentale in chiave playoff. (Punti: Medicei 1, San Donà 4).
Sempre in chiave playoff è il Rugby Viadana che fa una bella gita al Giulio Onesti portandosi a casa 5 punti comodissimi e mai in discussione contro una Lazio Rugby che vive un tempo (6-13) e poi sparisce letteralmente dal campo. E’ l’argentino Finco con ben 3 mete a dare sostanza all’attacco virgiliano che dilaga nel secondo tempo portando a casa un rotondo 6-32. (Punti: Lazio 0, Viadana 5).
Infine pomeriggio riposante quello che il Petrarca trascorre alla Guizza ricevendo la giovanile del Mogliano Rugby. Partita mai in discussione coi neri che conquistano il bonus già nel primo tempo con una meta di Su’a che chiude la frazione sul 28-3. I Petrarchini mettono ulteriore margine e poi, soddisfatti, trascorrono l’ultima mezzora a guardar giocare gli innocui ragazzini ospiti risparmiando energie per i prossimi impegni e con un orecchio a quanto succede a Ponte Galeria… Finisce con un 40-13 che sa di dominio e secondo posto a tiro senza volersi sprecare più di tanto. (Punti: Petrarca 5, Mogliano 0).
Domani al Mirabello scendono in campo Conad Reggio e Rugby Calvisano per completare il quadro; i campioni d’Italia, in formazione rimaneggiatissima, cercheranno, con difficoltà, la fuga. Staremo a vedere, per intanto questa la classifica provvisoria di giornata:
Calvisano 44*, Rovigo 43, Petrarca 42, Fiamme Oro e San Donà 34, Viadana 31, Medicei 18, Rugby Reggio 10*, Lazio 6, Mogliano 4
*una partita in meno

jpr

Informazioni sull'autore

Rugby.it