Nazionali

Italia-Irlanda, una storia senza storia

minozzi
Scritto da Rugby.it

Irlanda-Italia finisce 56 a 19. “Rischiamo” di prendere il punto bonus ma l’incontro ha un solo colore. E non è l’azzurro.

Purtroppo il riassunto dell’incontro valido per la seconda giornata del Torneo del Sei Nazioni potrebbe risolversi facilmente con una battuta “una storia senza storia”. Troppo più forti i verdi che sostanzialmente fanno quello che vogliono, aiutati spesso anche da nostri regali o semplici inadeguatezze (i passaggi un po’ così di Boni e Parisse, il calcio veloce di Parisse a fine secondo tempo, la corsa recuperata di Bellini senza benzina, il lancio-pizza in touche a fine primo tempo di Bigi).

L’Italia non vale questa Irlanda. E purtroppo se settimana scorsa si era lottato almeno per 65 minuti qui siamo entrati in partita facendo vedere anche qualcosa di buono in attacco solo quando i verdi hanno messo le seconde linee e tirato un attimo il freno della testa e del corpo.

Nel primo tempo abbiamo sofferto enormemente in difesa: troppi uomini a pulire nei raggruppamenti, troppi giocatori vicini e stretti alle guardie, scalate molto imprecise o proprio sbagliate al largo dove eravamo costantemente in inferiorità, errori individuali, tantissimi placcaggi poco efficaci o proprio mancati. Una difesa, dunque, approssimativa, spesso bucata facilmente, senza pigne abrasive in stile Favaro o Licata, senza placcaggi avanzanti o semplicemente senza placcaggi che si sentono come li tira in molti casi Costello (cit. Munari che deve amare molto Elvis, il cantante), ad esempio.

E vabbè allora intermezzo musicale:

Riprendiamo.

Un Italia purtroppo sulle gambe, con poche opzioni, delle terze (dove avremmo abbondanza…) che hanno fatto poco fieno (forse 1 turnover in tutto l’incontro?). Con una linea d’attacco che è diventata efficace a partita conclusa e che quando era sotto pressione ha mostrato giocatori troppo lontani dalla linea di passaggio, pochissime opzioni che non fossero la genialata di Minozzi. Ali praticamente assenti, un Boni un po’ appannato.

Minozzi, appunto. Con Zanni e in parte Negri ed Allan tra i più salvabili in casa azzurra. Minozzi autorevole, bello da vedere nella corsa, con caviglie esplosive (la meta che ha marcato non tutti l’avrebbero messa senza farsi assorbire dal placcatore), nelle linee e nella posizione. Ma una nazionale non può essere un solo giocatore. E quando ci siamo ritrovati ad avere paura di vedere l’Irlanda giocare anche a 5 metri dalla sua linea, senza alcuna paura, e trovando sempre lo spazio al largo, ecco, in quel momento abbiamo capito che qualcosa anche tatticamente non stava funzionando.

Di Brendan Venter abbiamo perso le tracce (non doveva portarci al mondiale?), ora la difesa è affidata a Goosen? Urge immediata registrata nei movimenti di insieme, nelle scalate, nei tentativi di chiusura anticipata che non devono creare autostrade a 5 corsie per gli avversari.

La nostra under 20 con gli irlandesi ha fatto una partita maestosa. Aspettiamo loro? Purché dal torneo non ci facciano uscire a fine contratto, perché il 2024 è solo tra 6 anni, in definitiva…

Tabelini

Irlanda v Italia 56-19  (28-0)
Marcatori: 
11’ m. Henshaw tr Sexton (7-0), 14’ Murray tr Sexton (14-0), 20’ m. Aki tr Sexton (21-0), 36’ m. Earls tr Sexton (28-0) s.t. 44’ m. Henshaw tr Sexton (35-0), 54’ m. Best tr Carbey (42-0), 56’ m. Allan tr Allan (42-7), 60’ m. Stockdale tr Carbery (49-7), 65’ m. Gori tr Allan (49-14), 70’ m Stockdale tr Crbery (56-14), 75’ m. Minozzi (56-19)
Irlanda: Kearney; Earls, Henshaw (45’ Larmour), Aki, Stockdale; Sexton (51’ Carbery), Murray (51’ Marmion); Conan (40’ Stander), Leavy, O’Mahony; Toner, Henderson (40’ Roux); Furlong (4’ Porter), Best R. (cap)(59’ Cronin), McGrath (68’ Healy).
all. Schmidt
Italia: Minozzi; Benvenuti T., Boni, (54’ Hayward) Castello, Bellini; Allan, Violi (58’ Gori); Parisse (cap), Steyn (45’ Mbandà), Negri (58’ Ruzza); Budd, Zanni; Ferrari (54’ Pasquali), Bigi (45’ Ghiraldini), Quaglio (37’ Lovotti)
all. O’Shea
arb. 
Romain Poite (Francia)
g.d.l. Pascal Gauzere (Francia), Matthew Carley (Inghilterra)
TMO: David Grashoff (Inghilterra)
Calciatori: Sexton (Irlanda) 5/5, Carbery (Irlanda) 3/3, Allan (Italia) 2/3
NatWest 6 Nations Man of the Match: Conor Murray (Irlanda)

Manuele Grosso

Foto: sito web Fir.

Informazioni sull'autore

Rugby.it