Top 12

Grandi avanti tutta in Eccellenza, ma dietro vince una sola

eccellenza_14a_giornata
Scritto da Rugby.it

Le prime 3 dell’Eccellenza si marcano, San Donà si smarca e prende il largo

Potrebbe essere stata una giornata decisiva per l’avvincente lotta a 3 all’inseguimento del quarto posto, ultimo in grado di fornire l’ambito pass per i playoff: mentre Fiamme Oro e Viadana uscivano dal terreno a bocca asciutta, il Rugby San Donà metteva a segno un colpo pieno, involandosi e mettendo un bel gap fra sé e le inseguitrici. Intanto le prime 3 si marcano stretto procedendo di pari e veloce passo, pur se impegnate in confronti di diversa difficoltà, rimandando ai prossimi appuntamenti la soluzione dell’intreccio da cui scaturirà la starting grid dei playoff.
Dunque dicevamo del Rugby San Donà che esce col massimo bottino da una difficilissima partita al Quaggia contro un orgoglioso Mogliano Rugby. Dopo un primo tempo equilibratissimo e finito in parità (17-17), nella seconda frazione i panociari subivano l’iniziativa dei padroni di casa trovandosi sotto per 23-20, ma negli ultimi minuti trovavano la forza di ribaltare il risultato segnando allo scadere la preziosissima meta del bonus con Kayle Van Zyl che siglava il conclusivo 23-34. (Punti: Mogliano 0, San Donà 5).
Un’altra meta allo scadere consegna l’identico bottino ai campioni d’Italia del Rugby Calvisano che, in formazione rimaneggiata, affrontavano al Pata Stadium i tradizionali rivali di derby del Rugby Viadana. Dopo un inizio-shock con gli ospiti avanti grazie ad una meta tecnica, arrivava il pareggio grazie ad una fantastica prodezza individuale del neo-arrivato Tuimavave e poi i padroni di casa chiudevano avanti 12-7. Nella ripresa gli ospiti non vedono più né il pallone né la metà campo avversaria, ma Calvisano deve aspettare gli ultimi 10’ per mettere un piazzato e due mete, l’ultima delle quali, di Venditti all’ultimo respiro, frutta il bonus fondamentale per la classifica col risultato di 27-7. (Punti: Calvisano 5, Viadana 0).
Quasi identico il punteggio (26-7) grazie al quale il Petrarca batte le Fiamme Oro alla Guizza in una partita mai in discussione: il primo tempo si chiude con un eloquente 21-0, mentre nella ripresa nemmeno un cartellino rosso al petrarchino Vannozzi basta a dare un po’ di verve alla squadra ospite che, dopo aver subito la meta del bonus ad opera del redivivo Ragusi al 74’, solo allo scadere riesce a togliere dal tabellone un umiliante 0. (Punti: Petrarca 5, Fiamme Oro 0).
5 punti porta a casa anche la Rugby Rovigo dalla gita di piacere al Giulio Onesti dove un proficuo allenamento si chiude con il punteggio di 12-56 ai danni di una Lazio Rugby mai in partita e annichilita già in un primo tempo chiuso sotto per 0-35, con gli ospiti che raggiungono il bonus già al 32’ con Momberg. Probabilmente la minaccia più seria per la spedizione rossoblù saranno state le terribili buche sulle strade della Capitale, perché in campo tutto è stato molto confortevole. (Punti: Lazio 0, Rovigo 5).
Molto appassionante, invece, il match svoltosi al Mirabello dove, al termine di un teso ed equilibrato confronto, i Diavoli della Conad Reggio portano a casa una bella vittoria ai danni dei Medicei e cominciano a dare tutto un altro aspetto alla loro classifica ed un altro tono alla loro stagione. Primo tempo che si chiude con gli ospiti avanti 11-16. Ospiti che nella ripresa sembrano trovare l’allungo decisivo grazie ad una meta di Rodwell, ma che poi vengono travolti dalla reazione dei padroni di casa che ribaltano il punteggio e vincono 28-23. (Punti: Reggio 4, Medicei 1).
Dopo questo interessante turno questa è la classifica aggiornata:
Calvisano 59, Rovigo 56, Petrarca 55, San Donà 43, Viadana 36, Fiamme Oro 35, Medicei 25, Reggio 21, Lazio 10, Mogliano 5.
Appuntamento a domenica 18 per la prossima giornata.
jpr

Photo by: Stefano Delfrate.

Informazioni sull'autore

Rugby.it