Top 12

Absolute Beginners in testa al TOP12!

118164423
Scritto da jpr

Il Valorugby  debutta in testa al TOP12 a Natale, mentre il Petrarca si inchina a Pasquale e viene inseguito dalla trojka

Non è ancora Capodanno, ma ci sono già i fuochi d’artificio nel nostro domestic per festeggiare una prima assoluta, vale a dire la testa della classifica per gli indiavolati Diavoli del Valorugby Emilia che sotto l’albero di Natale trovano un regalo proveniente da…Pasquale, inteso come Presutti che coi suoi Medicei batte il Petrarca e consente ai ragazzi di Manghi di occupare in solitaria la vetta del torneo. Dietro, ad inseguire, la trojka che da due giornate vede appaiate Calvisano, Rovigo e Fiamme, mentre sul fondo della classifica ancora una volta gli applausi più calorosi vanno allo splendido cammino di altri absolute beginners , cioè i ragazzi del Valsu che per la prima volta alzano la testa fuori dalla palude.

Ma andiamo con ordine partendo, però, non dalla capolista, ma dal Lodigiani dove, del tutto inattesa, arriva la seconda sconfitta consecutiva per il Petrarca Rugby che viene battuto dai Medicei del suo antico coach Pasquale Presutti. L’avvio del match da parte dei padroni di casa è bruciante ed il piede di Newton ed una meta di Cornelli scavano il primo gap, ricucito parzialmente dalla piazzola per l’11-6 che chiude la prima frazione. Nella ripresa, complice anche il campo pesante, le due squadre non producono altro che un piazzato a testa e la partita finisce 14-9 per i toscani. (Punti in classifica: Medicei 4, Petrarca1).

Ne approfittano, come detto, al Mirabello i reggiani del Valorugby che battono i radeciotti del Mogliano Rugby ora più lontani dalla zona playoff. Succede quasi tutto nel primo tempo coi reggiani capaci di marcare pesante per ben tre volte (due con Du Plessis) subendo l’ormai consueta meta tecnica della mischia biancoblù “made in Costanzo” per un parziale di 21-7. Nella ripresa ci si aspetta la quarta meta dei solitamente  prolifici reggiani, ma la macchina rossonera si inceppa un po’ ed i trevigiani riescono ad accorciare il gap con una meta di Pavan che, però, non basta a trovare il bonus in un match chiuso dal piede di Farolini sul 24-15. (Punti in classifica: Valorugby 4, Mogliano 0).

Dietro le prime due insegue il tiro a tre capitanato da un Rugby Calvisano che trova finalmente una mischia solida e la determinazione giusta per vincere allo Zaffanella contro un Viadana Rugby sempre più lontano dalle zone che contano. Nel primo tempo, in verità, sono i mantovani a giocare meglio, ma la loro buona prestazione viene azzerata da un paio di errori di trasmissione che innescano le gambe cicloniche di Kayle Van Zyl, autore delle due mete di intercetto che consentono ai bresciani di chiudere il primo tempo avanti per 10-17 nonostante la bella meta di Giovannini magistralmente trasformata da Ormson, autore anche di un bellissimo drop in chiusura di frazione. Il vantaggio dà sicurezza agli ospiti che giocano molto meglio nel secondo tempo allungando decisamente con due marcature pesanti e cogliendo il bonus al 68’ con El Tigre Garrido. A nulla vale la meta finale di un mai domo Brian Ormson che fissa il 20-31 finale. (Punti in classifica: Viadana 0, Calvisano 5).

Partita dai due volti il derby capitolino della Caserma Gelsomini, anche se si tratta di due volti comunque cremisi: le Fiamme Oro faticano un po’ nel primo tempo contro una Lazio Rugby combattiva e chiudono avanti 8-0 grazie ad un piazzato di Ambrosini ed una meta di Ugo D’Onofrio. Nella ripresa i poliziotti hanno campo libero e segnano le tre mete necessarie cogliendo il bonus al 77’ con Simone Marinaro che chiude su un eloquente 25-0. (Punti in classifica: Fiamme Oro 5, Lazio 0).

Poco più che una sgambata pre-natalizia con strenne per i tifosi, invece, la partita del Battaglini dove i Bersaglieri della Rugby Rovigo sforacchiano senza pietà la difesa meno resistente del torneo, quella del sempre più deludente fanalino di coda Verona Rugby. Neanche un minuto ed i rossoblù sono già in meta con Cicchinelli, anche se poi un po’ di confusione impedisce ai padroni di casa di fare nel primo tempo più di un comunque rassicurante 14-0. Nella ripresa i Bersaglieri aggiustano la mira ed il Verona viene seppellito sotto ben 7 mete consolandosi (si fa per dire) con l’isolato try di Buondonno: il bilancio del tirassegno è un pesantissimo 61-7. (Punti in classifica: Rovigo 5, Verona 0).

Infine celebriamo la seconda vittoria del caparbio Valsugana Rugby che al Plebiscito parte male contro i veneziani del Rugby San Donà che sembrano ipotecare la vittoria chiudendo avanti il primo tempo per 3-14 con due mete di FalsaperlaRiedo. Nella ripresa, però, i patavini reagiscono:dopo un piazzato di Roden  va a segno il solito Pivetta ed Albertario porta i suoi per la prima volta avanti. Biasuzzi impatta dalla piazzola, ma al 75’ una meta di Sironi porta al Valsu la seconda vittoria e la prima volta in zona “salva” con il finale di 24-17. (Punti in classifica: Valsugana 4, San Donà 1).

Ora il TOP12 si ferma per il Natale ed il Capodanno: da parte sua la redazione di Rugby.it augura ai suoi due lettori di passarle serenamente in attesa che arrivi la Befana che troverà questa classifica:

Valorugby 38; Petrarca 36; Rovigo,  Calvisano e Fiamme Oro 34; Mogliano e Medicei 25; Viadana  20; San Donà 19; Valsugana 12; Lazio 10; Verona 9.

Informazioni sull'autore

jpr