Top 12

Rovigo asfalta le Fiamme (e il TOP12)

asfalto1
Scritto da jpr

Formidabile dimostrazione di potenza dei Bersaglieri che spaventano il TOP12

Proseguono appaiate in testa alla classifica Calvisano e Rovigo, ma è innegabile che l’impressione di dominio e superiorità data dai ragazzi di Casellato e Properzi contro una delle squadre migliori per organico del torneo è stata molto più significativa di quella sonnacchiosa fornita dai bresciani contro la penultima in classifica. Parimenti, per rimanere in tema playoff, non sono sembrate in gran salute nemmeno il Petrarca ed il Valorugby, uscite vincenti, ma tutt’altro che dominanti, contro squadre di fondo classifica. Insomma, al momento sembra molto difficile immaginare chi possa ostacolare la marcia trionfale dei rovigoti.
Al Battaglini, quindi, il Rugby Rovigo demolisce le Fiamme Oro, definitivamente fuori da ogni obiettivo stagionale. Dopo il timido approccio dei cremisi, a segno con Biondelli dalla piazzola, si scatena la gioiosa macchina da asfalto rossoblù che in meno di 20’ piazza ben quattro mete (due volte Majstorovic, poi Vian e Barion); gli ospiti tentano timidamente di far notare la loro presenza con una meta di G. D’Onofrio, ma ci pensa Halvorsen a zittirli in maniera perentoria chiudendo la prima frazione su un pesantissimo 31-8. Con la partita virtualmente chiusa a doppia mandata il secondo tempo è una sorta di esibizione: i rossoblù umiliano i loro avversari con altre tre marcature pesantissime in avvio, poi, placata la loro furia distruttiva, lasciano fare 3 mete ai loro avversari un po’ come la sazia Scozia fece con l’ormai doma Italia nel 6N. Finisce con un 52-27 che mette paura a tutti gli avversari dei Bersaglieri. (Punti in classifica: Rovigo 5, Fiamme Oro 1).
Molto meno impressionante la prestazione del Rugby Calvisano che al Pata Stadium va addirittura in svantaggio contro il sempre volenteroso Valsugana Rugby che si porta avanti con una meta rocambolesca di Rossi. I padroni di casa reagiscono e Balocchi, Van Vuren, Garrido e Casolari e rimettono le cose a posto conquistando il bonus e chiudendo la prima frazione avanti 28-7. Nella ripresa Calvisano sparisce dal campo e gli applausi sono tutti per il Valsu che accorcia con Giuliani spaventando i padroni di casa che riallungano con Vunisa. Ma gli aquilotti non mollano: marcano ancora con Masotti e chiudono in attacco cercando una meta (che avrebbero certamente meritato) che avrebbe portato un punto, ma che non arriva con la partita che si chiude sul 35-21. (Punti in classifica: Calvisano 5, Valsugana 0).
Torna con una vittoria senza bonus dal Giulio Onesti il Petrarca Rugby che pure parte benissimo nel primo tempo contro la sempre più retrocessa Lazio Rugby. Segna subito l’ex di turno Cugini, allunga l’alchimista dalla piazzola, mentre Manni chiude la prima frazione sullo 0-17. Nella ripresa subito a segno Francescato, ma mentre tutti si aspettano la quarta meta dei veneti esce la Lazio che con Ercolani e Guardiano addolcisce il passivo sino al finale 14-24. (Punti in classifica: Lazio 0, Petrarca 4).
Tutt’altro che agevole anche la vittoria esterna del Valorugby Emilia al Payanini center contro un Verona Rugby in cerca di punti salvezza. Un primo tempo equilibrato coi padroni di casa avanti con Buondonno e gli ospiti a pareggiare con Messori viene chiuso dalla piazzola da Mortali che porta i veneti negli spogliatoi in vantaggio 10-7. Nella ripresa viene fuori il maggior tasso tecnico degli ospiti che mettono al sicuro la vittoria con Vaega ed una tecnica; la ciliegina sulla torta è la meta del bonus allo scadere dell’ormai abbonato all’impresa Carletto Festuccia che fissa il 10-26 finale. (Punti in classifica: Verona 0, Valorugby 5).
Assai avvincente ed equilibrata la sfida dello Zaffanella dove il Rugby Viadana batte I Medicei con una convincente prestazione che non può non far pensare a come la stagione dei mantovani avrebbe potuto essere migliore. Gran protagonista come sempre Brian Ormson che piazza 3 punti e poi fa una meta per rispondere alle due marcature di Lubian e Greef; ma è Mattoccia a chiudere la prima frazione con l’importante vantaggio dei toscani per 10-21. La ripresa, però, è tutta dei padroni di casa che marcano con Breglia prima che un bim-bum-bam dalla piazzola indovinate di chi metta la parola fine ed il risultato di 26-21 alla partita. (Punti in classifica: Viadana 4, Medicei 1).
Infine derby senza storia al Pacifici dove il Rugby San Donà brutalizza il Mogliano Rugby in un primo tempo a passo di carica con mete di Ceccato e Petrozzi in apertura e chiusura a contornare la doppietta del giovane Schiabel, il tutto per un eloquentissimo 28-0. Nella ripresa acceleratore ancora giù con Iovu e Reeves fino al terrificante 43-0 sul quale i panociari si ritengono sazi e lasciano un po’ di spazio agli ospiti che con Baldino e Guarducci rendono il passivo solo un filino meno umiliante: 43-14 (Punti in classifica: san Donà 5, Mogliano 0)
Appuntamento a domenica 17 quando si riprenderà da questa classifica:
Rovigo e Calvisano 68, Petrarca 63, Valorugby 62, Fiamme Oro 48, I Medicei 40, San Donà e Viadana 34, Mogliano 31, Verona 23, Valsugana 19, Lazio 12*.
*-4 punti per decisione del giudice sportivo.

Informazioni sull'autore

jpr