News

Universiadi, stasera la cerimonia di apertura

inaugura
Scritto da Rugby.it

I due tornei di Rugby 7s da venerdì a domenica sui campi ex-NATO

Stasera, con una cerimonia di apertura che a giudicare dalle anteprime delle prove si prospetta stregante, inziano le Universiadi a Napoli. Nel programma della trentesima edizione dei Giochi (3-14 luglio) torna il rugby e a leggere il giuramento dell’intera manifestazione, stasera durante la cerimonia davanti ad almeno ottomila persone (che fifa!), è stato chiamato proprio un rugbista: Luca Zini, capitano dell’Italia maschile! Diretta della cerimonia alle 21 su Rai Due.

vesuvio

Il programma della palla ovale prevede tre giorni di gara: dopodomani, sabato e domenica. Per evitare il solleone si gioca al mattino (tra le 9.30 e le 11.30 circa) e nella seconda metà del pomeriggio, dalle 16.30 in avanti. I due tornei, maschile e femminile, sono in programma sui campi ex-NATO lungo la strada tra Napoli e Pozzuoli, ma le squadre si alleneranno anche al Comunale di Boscotrecase, allo stadio Albricci di Napoli, allo stadio Moccia di Afragola e al Pacevecchia di Benevento.

zini luca

Luca Zini stasera leggerà il Giuramento dei giochi

L’Italia schiera due formazioni apparentemente competitive, non dissimili dalle nazionali 7s assolute: nella rosa femminile compaiono sette giocatrici reduci dai recentissimi Europei, oltre a Giulia Barbieri e a quattro ragazze che crediamo debuttanti in azzurro, cioè Gronda, Gurioli, Trinca e Natale.
Nella nazionale maschile sei giocatori provenienti dagli Europei e altri sei atleti già nell’orbita della nazionale assoluta 7s. Insomma l’Italia sembra fare sul serio. Obiettivo, naturalmente, una medaglia.

Convocati azzurri

ITALIA FEMMINILE
Giulia BARBIERI (Rugby Colorno / Università degli Studi di Parma)
Micol CAVINA (Iniziative Villorba Rugby / Università degli Studi di Padova)
Giada FRANCO (Rugby Colorno / Università Telematica E-Campus)
Alessia GRONDA (Itinera CUS Torino / Università degli Studi di Torino)
Laura GURIOLI (Iniziative Villorba Rugby / Università degli studi di Bologna)
Isabella LOCATELLI (Rugby Monza / Università degli Studi di Milano Bicocca)
Aura MUZZO (Iniziative Villorba Rugby / Università degli Studi di Udine)
Laura PAGANINI (CUS Milano Rugby / Università degli Studi Di Milano Bicocca)
Beatrice RIGONI (Valsugana Rugby Padova / Università degli Studi di Ferrara)
Claudia SALVADEGO (Stade Francais Paris / Università degli Studi di Bologna)
Michela TRINCA (Unione Capitolina / Università degli studi di Roma Sapienza)
Alice NATALE (CUS Milano Rugby / Università Cattolica del Sacro Cuore)
Coach: Diego Saccà

ITALIA MASCHILE
Lorenzo Maria BRUNO (Sitav Rugby Lyons / Università degli Studi di Pavia)
Simone CORNELLI (I Medicei / Università degli Studi di Firenze)
Duccio COSI (Toscana Aeroporti I Medicei / Università degli Studi di Firenze)
Giovanni D’ONOFRIO (Fiamme Oro Rugby / Università degli Studi di Parma)
Roberto DAL ZILIO (Calvisano / Università Telematica San Raffaele)
Federico GUBANA (Mogliano Rugby 1969 / Università degli Studi di Padova)
Tommaso JANNELLI (CUS Milano Rugby / Università degli Studi di Milano)
Andrea MARTANI (Kawasaki Robot Calvisano / Università Telematica eCampus)
Jona MOTTA (Rugby Milano / Università Bocconi Milano)
Dario SCHIABEL (Lafert San Donà / Università Telematica San Raffaele)
Juan Alejandro WAGENPFEIL (Rugby Viadana / Università degli Studi di Parma)
Luca ZINI (Argos Petrarca Rugby / Università degli Studi di Padova)
Coach: Andy Vilk

Programma di gioco
Otto nazionali in gara da cinque continenti sia in campo maschile sia in campo femminile: due pool da quattro e poi semifinali e finali. L’Italia si ritrova con le stesse avversarie iniziali sia tra i maschi sia tra le femmine: Francia, Giappone e Canada. Il prezzo per assistere alle sessioni di partite (divise in mattutine e pomeridiane) sembra essere di appena 3 euro.

schedule

Gli impegni degli azzurri nel dettaglio
Venerdì: 10.00 Italia-Giappone M / 17.36 Italia-Canada F, 18.20 Italia-Francia M.
Sabato: 10.14 Italia-Francia F, 10.58 Italia-Canada M / 17.28 Italia-Giappone F.
Domenica: 10.30 semifinali M, 11.14 semifinali F / 17 finali bronzo, 17.44 finali oro.

Sito e social
Il sito web ufficiale delle Universiadi è grazioso ma poco efficace, ci pare. Il logo dei Giochi con il Vesuvio è bello e lo stile grafico del sito accattivante, ma come non di rado succede in siti web del genere le informazioni sono rade e non facili da trovare. E l’apertura delle pagine è pure lenta e macchinosa. Sarà anche colpa della nostra imbranataggine, certamente, ma prima di rintracciare il programma orario dettagliato delle partite di rugby –alla fin fine la cosa più importante- abbiamo dovuto sudare sette camice (tutte rigorosamente Marinella…).
Anche certi dati sembrano un po’ esagerati, forse perché abbozzati quando ancora non si conosceva il numero di nazioni iscritte e poi mai più modificati: più di mille atleti! 45 nazioni! recita la rubrica “Numeri” della sezione rugby. Ma le nazioni in gara sono solo otto tra i maschi e otto tra le femmine e gli atleti coinvolti dovrebbero essere così duecento circa.

numbers

Dirette video?
Non abbiamo trovato indicazioni certe al riguardo. Rai Due dedicherà tutti i giorni ai Giochi un’ampia finestra alle ore 19 circa. Possibili siti di dirette web sono
www.universiade2019napoli.it
www.fisu.tv
www.facebook.com/napoli2019/
Rai Sport non pare invece avere le Universiadi nel proprio palinsesto.

Zona di gara
Se avete in mente di andare ad assistere dal vivo alle Universiadi, beh, la zona in generale non sembra così male… Da ovest seguendo il Golfo si incontrano Ischia, Pozzuoli, i campi di gara del rugby, Napoli, il Vesuvio, Ercolano, Pompei, Sorrento, Positano, Amalfi…
Più a nord Caserta con la sua Reggia; a est Nola (curiosità: le campane delle chiese sono state inventate a Nola, è per questo che si chiamano “campane”. Chissà perché occorre andare a scuola quando tutte le informazioni più interessanti si trovano sulla Settimana Enigmistica?) e ancora un po’ più in là Benevento con la sua bella tradizione rugbistica.

mappuni

Informazioni sull'autore

Rugby.it