Nazionale Under 20 e Accademia.

Risultati, Classifiche e Commenti sul campionato di Serie A Femminile e delle Giovanili Nazionali

Moderatore: Emy77

LucioBattisti
Messaggi: 78
Iscritto il: 1 dic 2008, 14:24

Re: Nazionale Under 20 e Accademia.

Messaggio da LucioBattisti » 13 feb 2009, 20:42

sono un pò monotono .... mi rendo conto .... ma è inutile paragonare il livello del nostro campionato con il livello delle competizioni internazionali ... sono molto distanti .... molto diversi come intensità di gioco e fisica ..... non si discute della bravura di questo o quell'atleta..... a livello internazionale la storia ci spiega che se abbassi il ritmo solo per qualche minuto sono dolori..... penso che oltre alla bravura indiscussa si questi ragazzi che possa anche equivalersi o in alcune situazioni superarsi, sia molto importante la preparazione fisica e la capacità di giocare ad alto livello per il massimo dei minuti..... e poi ben venga questa competizione di ruoli .... purchè avvenga in campo e non su un forum.................

giangi87
Messaggi: 420
Iscritto il: 1 ott 2007, 20:13

Re: Nazionale Under 20 e Accademia.

Messaggio da giangi87 » 13 feb 2009, 22:36

EmmePi ha scritto:Per me invece è l'unica strada, se si parla di "internazionali" e non di atleti da Super 10. Ma ne ho parlato anche troppo in precedenza e non vorrei ripetermi.


Intendi che l'unica strada è quella dei "grandi e grossi che poi la tecnica gliela insegnamo noi tecnici della FIR"?
Se intendevi questo vorrei dirTi un po' di cose :
1. prima di tutto per insegnare la tecnica bisogna avere i TECNICI CAPACI per farlo
2. la tecnica può essere migliorata, ma NON inventata
3. la carenza fisica è una carenza che può essere colmata nel giro di 2-3 anni, quanto credi che ci voglia invece per creare la tecnica??
(Mi rispondo dicendoTi che, premesso che non la puoi creare, ci vogliono decisamente molti più anni che a formare un buon fisico.)
4. non possiamo paragonarci ai "fisiconi" sudafricani o neozelandesi, perchè laggiù si possono permettere di scegliere fra giocatori di pari capacità tecniche, ma di diverse doti fisiche, preferendo, A QUEL PUNTO, giocatori più grossi. :wink:

EmmePi
Messaggi: 3287
Iscritto il: 14 apr 2008, 12:28

Re: Nazionale Under 20 e Accademia.

Messaggio da EmmePi » 13 feb 2009, 22:43

Mi ripeto:
Se hai i grandi e grossi male che vada perdi le partite, se hai i leggerini, invece, rimedi la figuraccia (e prendi le tranvate)
Meglio non dialogare con il torinese maleducato che infesta il forum: non potresti mai sapere con quale dei suoi due o tre nick ti offenderà
Per chi fosse interessato, su Wikipedia è uscita la versione riveduta e corretta della pagina che illustra la Teoria della Relatività. L'ha redatta il mio droghiere lo scorso giovedì pomeriggio, turno di chiusura del negozio

EmmePi
Messaggi: 3287
Iscritto il: 14 apr 2008, 12:28

Re: Nazionale Under 20 e Accademia.

Messaggio da EmmePi » 13 feb 2009, 22:48

Sono storie vecchie. O meglio, sono io che sono vecchio e le ho sentite decine di volte, scusa se rispondo così, ma nel 2009 parlare ancora di queste questioni mi sembra assurdo, soprattutto perchè stiamo parlando di under 19.
Ripeto, in under 19 c'è gente che facilmente bazzica daruni zonali e nazionali anche da 5 o 6 anni. Che gli insegnassero prima, a giocare.

Sottolineo, parlando di nazionale azzurra, in under 19 c'è una sola strada: grandi e grossi.
Meglio non dialogare con il torinese maleducato che infesta il forum: non potresti mai sapere con quale dei suoi due o tre nick ti offenderà
Per chi fosse interessato, su Wikipedia è uscita la versione riveduta e corretta della pagina che illustra la Teoria della Relatività. L'ha redatta il mio droghiere lo scorso giovedì pomeriggio, turno di chiusura del negozio

giangi87
Messaggi: 420
Iscritto il: 1 ott 2007, 20:13

Re: Nazionale Under 20 e Accademia.

Messaggio da giangi87 » 13 feb 2009, 22:48

EmmePi ha scritto:Mi ripeto:
Se hai i grandi e grossi male che vada perdi le partite, se hai i leggerini, invece, rimedi la figuraccia (e prendi le tranvate)


Apparte che è tutto da dimostrare, ma poi comunque qui stiamo parlando di giovani, alla lunga quello che fa la differenza è la tecnica.
Sia chiaro non esiste una soluzione drastica (solo giocatori tecnici o solo giocatori fisici), come spesso succede la verità sta nel mezzo, il problema però è che la FIR crede che si debba investire SOLO sull'aspetto fisico.
Comunque ti ripeto, proprio perchè stiamo parlando di giovani, il fisico lo metti su in 2-3 anni, perderai a livello U18-19, ma poi dopo ci si ritroverebbe con dei giovani molto più forti.

giangi87
Messaggi: 420
Iscritto il: 1 ott 2007, 20:13

Re: Nazionale Under 20 e Accademia.

Messaggio da giangi87 » 13 feb 2009, 22:54

EmmePi ha scritto:Sono storie vecchie. O meglio, sono io che sono vecchio e le ho sentite decine di volte, scusa se rispondo così, ma nel 2009 parlare ancora di queste questioni mi sembra assurdo, soprattutto perchè stiamo parlando di under 19.
Ripeto, in under 19 c'è gente che facilmente bazzica daruni zonali e nazionali anche da 5 o 6 anni. Che gli insegnassero prima, a giocare.

Sottolineo, parlando di nazionale azzurra, in under 19 c'è una sola strada: grandi e grossi.

Mi dispiace ma non sono d'accordo, Ti basterebbe confrontare i risultati delle partite, giusto per fare un esempio, fra i nati nell'88 dell'Italia contro quelli dell'Irlanda. I nostri erano estremamente più grossi in U18, vittoria notevolissima per 4 mete a 1. L'anno dopo,categoria U19: pareggio; l'anno dopo ancora, sconfitta nel 6 Nazioni e altra sconfitta nel Mondiale U20 che non ci ha permesso di provare a prendere l'8° posto (di conseguenza ci ritroveremo in un girone infernale nel prossimo mondiale con SudAfrica, Francia e Fiji).
Non aggiungo altro.

EmmePi
Messaggi: 3287
Iscritto il: 14 apr 2008, 12:28

Re: Nazionale Under 20 e Accademia.

Messaggio da EmmePi » 13 feb 2009, 23:39

giangi87 ha scritto:
EmmePi ha scritto:Sono storie vecchie. O meglio, sono io che sono vecchio e le ho sentite decine di volte, scusa se rispondo così, ma nel 2009 parlare ancora di queste questioni mi sembra assurdo, soprattutto perchè stiamo parlando di under 19.
Ripeto, in under 19 c'è gente che facilmente bazzica daruni zonali e nazionali anche da 5 o 6 anni. Che gli insegnassero prima, a giocare.

Sottolineo, parlando di nazionale azzurra, in under 19 c'è una sola strada: grandi e grossi.

Mi dispiace ma non sono d'accordo, Ti basterebbe confrontare i risultati delle partite, giusto per fare un esempio, fra i nati nell'88 dell'Italia contro quelli dell'Irlanda. I nostri erano estremamente più grossi in U18, vittoria notevolissima per 4 mete a 1. L'anno dopo,categoria U19: pareggio; l'anno dopo ancora, sconfitta nel 6 Nazioni e altra sconfitta nel Mondiale U20 che non ci ha permesso di provare a prendere l'8° posto (di conseguenza ci ritroveremo in un girone infernale nel prossimo mondiale con SudAfrica, Francia e Fiji).
Non aggiungo altro.


O non ho capito quello che hai scritto, o mi hai dato ragione.
In U18 eravamo molto più grossi ed abbiamo vinto.
Nel Mondiale U20 abbiamo soltanto perso perchè fisicamente non c'era più quella differenza, però eravamo comunque adeguati. Se fossimo stati più piccoli di loro ci beccavamo la classica tranvata.

Non so quanti anni avete, ma se anche foste giovani, provate ad immaginare quante volte una persona che frequenta l'ambiente del rugby può aver sentito fare questi discorsi in 25 - 30 o 35 anni...
E visto che avete citato i mondiali under 20, avete dato una letta alle misure dei ragazzi di Australia e NZ? Io,devo essere sincero, non credevo ai miei occhi...
Meglio non dialogare con il torinese maleducato che infesta il forum: non potresti mai sapere con quale dei suoi due o tre nick ti offenderà
Per chi fosse interessato, su Wikipedia è uscita la versione riveduta e corretta della pagina che illustra la Teoria della Relatività. L'ha redatta il mio droghiere lo scorso giovedì pomeriggio, turno di chiusura del negozio

giangi87
Messaggi: 420
Iscritto il: 1 ott 2007, 20:13

Re: Nazionale Under 20 e Accademia.

Messaggio da giangi87 » 14 feb 2009, 9:56

EmmePi ha scritto:
giangi87 ha scritto:
EmmePi ha scritto:Sono storie vecchie. O meglio, sono io che sono vecchio e le ho sentite decine di volte, scusa se rispondo così, ma nel 2009 parlare ancora di queste questioni mi sembra assurdo, soprattutto perchè stiamo parlando di under 19.
Ripeto, in under 19 c'è gente che facilmente bazzica daruni zonali e nazionali anche da 5 o 6 anni. Che gli insegnassero prima, a giocare.

Sottolineo, parlando di nazionale azzurra, in under 19 c'è una sola strada: grandi e grossi.

Mi dispiace ma non sono d'accordo, Ti basterebbe confrontare i risultati delle partite, giusto per fare un esempio, fra i nati nell'88 dell'Italia contro quelli dell'Irlanda. I nostri erano estremamente più grossi in U18, vittoria notevolissima per 4 mete a 1. L'anno dopo,categoria U19: pareggio; l'anno dopo ancora, sconfitta nel 6 Nazioni e altra sconfitta nel Mondiale U20 che non ci ha permesso di provare a prendere l'8° posto (di conseguenza ci ritroveremo in un girone infernale nel prossimo mondiale con SudAfrica, Francia e Fiji).
Non aggiungo altro.


O non ho capito quello che hai scritto, o mi hai dato ragione.
In U18 eravamo molto più grossi ed abbiamo vinto.
Nel Mondiale U20 abbiamo soltanto perso perchè fisicamente non c'era più quella differenza, però eravamo comunque adeguati. Se fossimo stati più piccoli di loro ci beccavamo la classica tranvata.

Non so quanti anni avete, ma se anche foste giovani, provate ad immaginare quante volte una persona che frequenta l'ambiente del rugby può aver sentito fare questi discorsi in 25 - 30 o 35 anni...
E visto che avete citato i mondiali under 20, avete dato una letta alle misure dei ragazzi di Australia e NZ? Io,devo essere sincero, non credevo ai miei occhi...


Credo invece che abbiamo due modi diversi di leggere quei risultati da me sopracitati, io li leggo così : fin quando abbiamo potuto usufruire di una inadeguatezza fisica dei nostri avversari, abbiamo vinto, da quando gli irlandesi hanno aggiunto al loro bagaglio tecnico, una capacità fisica migliore, ci hanno battuti. Questo per me non fa altro che avallare la tesi, da me scritta, che un buon fisico lo metti su in 2-3 anni,cosa che non puoi certamente fare con la tecnica. Seguendo la linea federale rimarremo sempre indietro con i nostri avversari.
P.S. a confermare la mia tesi, ti invito a controllare quanti dei giovani che hanno frequentato l'Accademia, con grandi capacità fisiche ma pochissima tecnica, sono diventati giocatori da Super10.

EmmePi
Messaggi: 3287
Iscritto il: 14 apr 2008, 12:28

Re: Nazionale Under 20 e Accademia.

Messaggio da EmmePi » 14 feb 2009, 11:20

Controlla prima tu, che sei quello che ha proposto l'argomento. Avrai certamente delle sorprese.

Certo, devi prendere un club che abbia avuto giocatori in accademia e vedere se hanno esordito quelli o gli altri.

Per esempio nel GRAN hanno esordito in prima squadra 3 "ex-under 19" che non erano stati in accademia. Questo non conta, perchè non c'era nessun giocatore del GRAN in Accademia in quella stagione
Meglio non dialogare con il torinese maleducato che infesta il forum: non potresti mai sapere con quale dei suoi due o tre nick ti offenderà
Per chi fosse interessato, su Wikipedia è uscita la versione riveduta e corretta della pagina che illustra la Teoria della Relatività. L'ha redatta il mio droghiere lo scorso giovedì pomeriggio, turno di chiusura del negozio

EmmePi
Messaggi: 3287
Iscritto il: 14 apr 2008, 12:28

Re: Nazionale Under 20 e Accademia.

Messaggio da EmmePi » 14 feb 2009, 11:38

giangi87 ha scritto:
EmmePi ha scritto:
giangi87 ha scritto:
EmmePi ha scritto:Sono storie vecchie.

Mi dispiace


O non ho capito...


Questo per me non fa altro che avallare la tesi, da me scritta, che un buon fisico lo metti su in 2-3 anni,cosa che non puoi certamente fare con la tecnica. Seguendo la linea federale rimarremo sempre indietro con i nostri avversari.


E poi, più che di "linea federale" io parlerei di "linea mondiale", perchè fanno tutti così.
Noi facciamo con il materiale che abbiamo. Per "materiale" intendo anche i tecnici.
Non saranno allo stesso livello in tutta Italia, ma non si mettono certamente a scegliere i ragazzi quando sono già in under 20. E' un percorso che parte molto prima, quando, se sei bravo, puoi insegnargli le tecnica e farli "diventare grossi".
Il problema è che devi essere bravo ad insegnargli. Se non sei riuscito ad insegnargli ma sei riuscito a farli diventare grandi e grossi, non sei stato bravo, hai fatto solo metà del lavoro.
Meglio non dialogare con il torinese maleducato che infesta il forum: non potresti mai sapere con quale dei suoi due o tre nick ti offenderà
Per chi fosse interessato, su Wikipedia è uscita la versione riveduta e corretta della pagina che illustra la Teoria della Relatività. L'ha redatta il mio droghiere lo scorso giovedì pomeriggio, turno di chiusura del negozio

GiorgioXT
Messaggi: 5452
Iscritto il: 19 mag 2004, 0:00

Re: Nazionale Under 20 e Accademia.

Messaggio da GiorgioXT » 14 feb 2009, 11:41

EmmePi ha scritto:Sono storie vecchie. O meglio, sono io che sono vecchio e le ho sentite decine di volte, scusa se rispondo così, ma nel 2009 parlare ancora di queste questioni mi sembra assurdo, soprattutto perchè stiamo parlando di under 19.
Ripeto, in under 19 c'è gente che facilmente bazzica daruni zonali e nazionali anche da 5 o 6 anni. Che gli insegnassero prima, a giocare.

Sottolineo, parlando di nazionale azzurra, in under 19 c'è una sola strada: grandi e grossi.


Ed è la strada sbagliata , perchè non abbiamo i numeri di giocatori di buon livello da cui selezionare i fisicamente più forti; perchè non abbiamo nè i fisici nè le tradizioni di nuova zelanda e sudafrica nè i numeri dell'Inghilterra... guarda caso quelli più vicini a noi per fisici e condizioni (Francia) tengono in considerazione il fisico ma non è la discriminante ed infatti la francia ha vinto il mondiale Under 21 puntando tutto sulla tecnica (anche perchè , puntare sul fisico contro i futuri AllBlacks o Springboks... :shock: )
Quindi tagliando fuori quelli a 16 anni "non conformi" perchè non sono almeno 1.80 di statura perdiamo di sicuro dei giocatori di qualità senza la certezza di avere dei giocatori fisicamente e tecnicamente migliori.

Però è una strada comoda , perchè ti permette di chiamare tanti giocatori anche se non hanno avuto un insegnamento tecnico appena decente, anche se sono deboli in fondamentali come il passaggio od il placcaggio e perchè ti mette il c*** al riparo ... dovessero le cose andare male , hai pur sempre seguito le "linee guida" della Federazione e ci sono tutti i risultati dei test fisici a dimostrarlo ...

giangi87
Messaggi: 420
Iscritto il: 1 ott 2007, 20:13

Re: Nazionale Under 20 e Accademia.

Messaggio da giangi87 » 14 feb 2009, 12:01

EmmePi ha scritto:
E poi, più che di "linea federale" io parlerei di "linea mondiale", perchè fanno tutti così.


Ma dove??? Nei grandi paesi (Nuova Zelanda,Australia,Inghilterra,ecc..) preferiscono quei giocatori che a pari capacità tecniche, possiedono fisici più sviluppati. Mica partono dal fisico per arrivare alla tecnica.

EmmePi ha scritto:
Il problema è che devi essere bravo ad insegnargli. Se non sei riuscito ad insegnargli ma sei riuscito a farli diventare grandi e grossi, non sei stato bravo, hai fatto solo metà del lavoro.


Qui mi pare che dai più ragione a me sinceramente. Ma non sarebbe più facile partire da quei giocatori che hanno già delle qualità tecniche e poi "farli diventare" grossi? Faresti metà del lavoro raggiungendo il massimo.

EmmePi ha scritto:
Controlla prima tu, che sei quello che ha proposto l'argomento. Avrai certamente delle sorprese.


Ho parlato di giocatori che sono entrati per meriti "fisici", ti faccio 2 esempi :
-Davide Duca, un avanti nato, trasformato in apertura per il calcio e per il fisicone, risultato? Gioca in A2 col Benetton
- Cazzola, portato in Accademia perchè era alto, quanti minuti ha giocato quest'anno a Venezia?

Daddy
Messaggi: 1656
Iscritto il: 8 gen 2007, 17:39
Località: Roma

Re: Nazionale Under 20 e Accademia.

Messaggio da Daddy » 14 feb 2009, 12:11

Per farli diventare grandi, grossi, veloci basterebbe un preparatore bravo e tanta "fatica", per la tecnica servirebbero dei bravi allenatori! :wink:
Concordo che la tecnica non la insegni in due/tre anni, a meno di incontrare un fenomeno, il fisico in meno tempo può cambiare!..quindi creare e non far scappare dal rugby, perchè delusi, non convocati, non seguiti, giocatori dalla Under13 in sei anni avremo, magari meno numeri, ma grande classe anche rispetto alle altre grandi europee, in campo ora vedo anche ragazzi che anni prima andavano al basket, pallavolo, atletica, quindi dotati fisicamente e atleticamente, anche se non sono tantissimi :(

newrunner
Messaggi: 976
Iscritto il: 6 giu 2008, 20:01
Località: terre di mezzo

Re: Nazionale Under 20 e Accademia.

Messaggio da newrunner » 14 feb 2009, 15:13

GiorgioXT ha scritto:
EmmePi ha scritto:Sono storie vecchie. O meglio, sono io che sono vecchio e le ho sentite decine di volte, scusa se rispondo così, ma nel 2009 parlare ancora di queste questioni mi sembra assurdo, soprattutto perchè stiamo parlando di under 19.
Ripeto, in under 19 c'è gente che facilmente bazzica daruni zonali e nazionali anche da 5 o 6 anni. Che gli insegnassero prima, a giocare.

Sottolineo, parlando di nazionale azzurra, in under 19 c'è una sola strada: grandi e grossi.


Ed è la strada sbagliata , perchè non abbiamo i numeri di giocatori di buon livello da cui selezionare i fisicamente più forti; perchè non abbiamo nè i fisici nè le tradizioni di nuova zelanda e sudafrica nè i numeri dell'Inghilterra... guarda caso quelli più vicini a noi per fisici e condizioni (Francia) tengono in considerazione il fisico ma non è la discriminante ed infatti la francia ha vinto il mondiale Under 21 puntando tutto sulla tecnica (anche perchè , puntare sul fisico contro i futuri AllBlacks o Springboks... :shock: )
Quindi tagliando fuori quelli a 16 anni "non conformi" perchè non sono almeno 1.80 di statura perdiamo di sicuro dei giocatori di qualità senza la certezza di avere dei giocatori fisicamente e tecnicamente migliori.

Però è una strada comoda , perchè ti permette di chiamare tanti giocatori anche se non hanno avuto un insegnamento tecnico appena decente, anche se sono deboli in fondamentali come il passaggio od il placcaggio e perchè ti mette il c*** al riparo ... dovessero le cose andare male , hai pur sempre seguito le "linee guida" della Federazione e ci sono tutti i risultati dei test fisici a dimostrarlo ...

Fa piacere vedere qualcuno ..dire le cose come stanno. Quoto ..i fisici sono importanti ..la tecnica anche se non di più..lideale come sempre sta nel mezzo ...una squadra di non grossi ma medi ma altamente tecnica darà sempre almeno 20 o più punti ad una solo fisica...li farà correre mentre loro faranno correre l'ovale...

EmmePi
Messaggi: 3287
Iscritto il: 14 apr 2008, 12:28

Re: Nazionale Under 20 e Accademia.

Messaggio da EmmePi » 14 feb 2009, 16:36

giangi87 ha scritto:
EmmePi ha scritto:
E poi, più che di "linea federale" io parlerei di "linea mondiale", perchè fanno tutti così.


Ma dove??? Nei grandi paesi (Nuova Zelanda,Australia,Inghilterra,ecc..) preferiscono quei giocatori che a pari capacità tecniche, possiedono fisici più sviluppati. Mica partono dal fisico per arrivare alla tecnica.

EmmePi ha scritto:
Il problema è che devi essere bravo ad insegnargli. Se non sei riuscito ad insegnargli ma sei riuscito a farli diventare grandi e grossi, non sei stato bravo, hai fatto solo metà del lavoro.


Qui mi pare che dai più ragione a me sinceramente. Ma non sarebbe più facile partire da quei giocatori che hanno già delle qualità tecniche e poi "farli diventare" grossi? Faresti metà del lavoro raggiungendo il massimo.

EmmePi ha scritto:
Controlla prima tu, che sei quello che ha proposto l'argomento. Avrai certamente delle sorprese.


Ho parlato di giocatori che sono entrati per meriti "fisici", ti faccio 2 esempi :
-Davide Duca, un avanti nato, trasformato in apertura per il calcio e per il fisicone, risultato? Gioca in A2 col Benetton
- Cazzola, portato in Accademia perchè era alto, quanti minuti ha giocato quest'anno a Venezia?


- Davide Duca: scelta sbagliata del giocatore. Doveva scegliere meglio la squadra in cui andare a maturare. Doveva eliminare le "grandi" e puntare sugli altri club.
- Cazzola: quanti suoi coetanei giocano titolari in Super 10?
Meglio non dialogare con il torinese maleducato che infesta il forum: non potresti mai sapere con quale dei suoi due o tre nick ti offenderà
Per chi fosse interessato, su Wikipedia è uscita la versione riveduta e corretta della pagina che illustra la Teoria della Relatività. L'ha redatta il mio droghiere lo scorso giovedì pomeriggio, turno di chiusura del negozio

Rispondi

Torna a “Campionati Femminile e Giovanili”